Titolo

La propaganda anti-Euro e Twitter

2 commenti (espandi tutti)

Non c'è nulla da dimostrare, secondo me, caso mai basta mostrare quello che già le diverse nazioni fanno.
Ci sono nazioni che, incapaci di intrapprendere certe riforme, ricorrono la spirale svalutazione-inflazione senza uscirne mai (come un drogato nel tunnel) e ci sono nazioni che invece hanno il coraggio e la capacità, quando serve, di fare riforme pubbliche energiche e radicali per mantenere alto il livello del sistema paese (formazione, ricerca, produttività generale del fattori, welfare). Prendo per esempio la Germania con agenda 2010, la Svizzera con il suo contenimento della spesa pubblica e del debito e la Svezia degli ultimi 20 anni con il forte calo di spesa pubblica e tassazione. Li prendo ad esempio perché sono nazioni che esportano parecchio (Svezia 34% del PIL, Germania 43%, 53% la Svizzera, malgrado il Franco forte) e lo fanno sulla base della qualità dei prodotti e del sistema-paese, non di semplici giochini alegbrici basati sulla forza o debolezza della valuta.

 Lo fanno sulla base della qualità dei prodotti

Mia moglie anni fa ha comprato un frullino svizzero (http://www.bamix.com/).

Prima di prendere questa decisione (non ci vuole un mutuo, ma costa 3-4 volte i competitori da supermercato) i frullini le duravano 1-2 anni. Il frullino svizzero invece ci seppellirà. Basta usarlo un paio di volte per rendersi conto che al suo confronto, i competitori che si trovano usualmente negli scaffali dei supermercati, ma anche nei negozi di elettrodomestici o anche in quelli di prodotti per la cucina, paiono giocattoli per bambini.