Titolo

La propaganda anti-Euro e Twitter

2 commenti (espandi tutti)

Non voglio difendere Monti che ha fatto molti errori, però quando è arrivato al governo ha trovato il paese sull'orlo del default ed è stato costretto a fare un duro aggiustamento fiscale per evitare il collasso. La responsabilità di questo va attribuita al governo Berlusconi e ai governi che lo hanno preceduto, mica a Monti. Poi Monti non ha avuto la forza di tagliare la spesa pubblica e andare avanti con le liberalizzazioni, ma non mi sembra che Berlusconi avesse fatto molto in questo campo. Poi Manasse ha ragione: i tassi salivano perchè in quel momento Berlusconi non aveva la capacità di gestire la crisi (per esempio: non è stato capace di fare la riforma delle pensioni) e non era credibile

Ogniuno ha la propria narrazione, quella che piace al PD è che il Paese era sull'orlo del 'baratro' perchè Berluschino è tanto cattivo, adora le minorenni, e perso tra i festini non aveva tempo di fare le riforme. La verità per chi non ha l'anello al naso è che i grandi investitori hanno capito che dopo il deal sulla Grecia non c'era nessuna garanzia dietro i debiti dei paesi periferici dell'eurozona ed hanno iniziato a pretendere tassi piú alti. Faccio presente che Monti è arrivato al governo in novembre e lo spread è iniziato a calare solo quando la BCE ha preso un minimo di iniziativa, alla fine dell'estate. Il resto son fregnaccie, il sistema pensionistico italiano è il piú sostenibile d'Europa in quanto basato sull'aspettativa di vita diversamente da quello tedesco, giusto per fare un esempio. Se Mariuccio Draghi non fosse intervenuto con dichiarazioni e atti concreti, l'Euruccio sabbe deflagrato da mo.
L'azione di Monti è stata lucida e razionale: deflazionare in modo da limitare i consumi, cosí da portare in pareggio la bilancia dei pagamenti come di fatto è avvenuto. Infatti cari accademici nell'attuale assetto monetario un'espansione del reddito comporta un consumo di beni importati ed un conseguente indebitamento estero, origine degli squilibri nell'area valutaria. Nell'attuale fase il debito pubblico è lo specchietto per le allodole che votano Grillo o Monti o (non votano Giannino e Boldrin).
Solo il ripristino della flessibilità del cambio puó salvare il Paese dalla dolce morte, in quanto ridurrebbe le importazioni ( che diventerebbero meno convenienti) e incrementerebbero le esportazioni riportando in equilibrio la bilancia dei pagamenti. Se poi vogliamo diventare tedeschi od americani a forza di scudisciate perche 'tanto la gente non capisce' ed utilizzare la tecnica del bastone e della carota, tanti auguri, temo che l'effetto sarà indesiderato: un bel Governo monocolore Beppe Grillo non ce lo toglie nessuno e poi vedrete quante belle riforme farete.
Auguri