Titolo

La propaganda anti-Euro e Twitter

2 commenti (espandi tutti)

Ho più dubbi che certezze, mi creda, tuttavia noto che la BOJ svaluta lo yen, e i tassi restano bassi; la Gran Bretagna svaluta la sterlina, e i tassi restano bassi. In tutto il mondo si attuano politiche espansive, dell'inflazione non si vede nemmeno l'ombra. Il PIL, seppur di poco, cresce, mente in Europa restiamo intrappolati in una depressione che sembra senza fine.

E non sto parlando solo dell'Italia, "corrotta ed improduttiva", ma di un gruppo estremamente eterogeneo di Nazioni (Grecia, Irlanda, Italia, Spagna, Portogallo) a cui si stanno aggiungendo persino le virtuose Slovenia, Finlandia, Olanda...
Insomma, ad un insieme di Stati estremamente diversi l'uno dall'altro, accomunati da un unico comun denominatore: l'appartenenza all'unione monetaria, e l'applicazione in apparenza aprioristica e dogmatica di politiche restrittive e deflattive che non hanno eguali nel mondo moderno.

Mi chiedo come sia possibile che una situazione che, ad un profano come il sottoscritto, pare così evidente, non lo sia anche per voi. Sinceramente mi stupisce molto, e sono curioso di leggere quali siano le ragioni che vi portano a concludere che l'esistenza della moneta unica non giochi un ruolo fondamentale nella profonda crisi in cui ci troviamo.

ti suggerisco di controllare pil reale, salario reale, partite correnti di uk, ma soprattutto svalutare una moneta è molto differente da uscire da un'area valutaria comune.non si può stringere il discorso alla sola svalutazione.