Titolo

La propaganda anti-Euro e Twitter

1 commento (espandi tutti)

Anni addietro, mentre lavorava in Deutsche Bank, scriveva propaganda sul "rotolo" (quel quotidiano che deve titolare a caratteri cubitali "il giornale" altrimenti sarebbe comunemente scambiato per carta straccia).

Si iscrisse anche ad un famoso forum di informatica dove interveniva nella sezione "storia, politica e attualità" per spammare i suoi articolazzi e per fare smaccata propaganda,  non c'è bisogno che specifichi per quale partito.

Oltre che a questioni economiche (nelle quali era macroscopica la malafede con cui assemblava i dati tanto che fu molte volte smentito - da antologia l'articolazzo  "Bilanci falsi per 30 mld - l'UE smaschera Prodi"),  si interessava particolarmente a discussioni in tema di giustizia, specialmente se riguardavano il mondo che gravita(va) intorno al leader del suo partito.

Oltre ai continui attacchi alla magistratura e specialmente ad Ingroia, si ricordano fra le perle: la difesa convinta di "Mangano eroe" - e l'indulgenza per Berlusconi che aveva commesso SOLO una leggerezza quando aveva assunto Mangano senza controllare chi fosse realmente, difatti anche lui nel suo piccolo quando assumeva una baby sitter non controllava mica il casellario giudiziario, la tesi che la mafia rivoterebbe sx, lui - che si è preso la briga di leggere la storia del processo a Dell'Utri - ancora "non si capisce che diamine abbia fatto questo signore", una celeberrima discussione nella quale sosteneva che "la tv non sposta voti", la vicenda "berlusconi - escort" è solo una montatura della stampa ecc..ecc..

(ho estratto solo alcune perle da un catalogo di quasi 700 link)