Titolo

Euro, domanda, e produttività: un viaggio nel mito. Parte 2

2 commenti (espandi tutti)

Ti piacerà sapere che questo mese ci sono state circa 60mila visitatori unici, che corrispondono circa allo 0.1% della popolazione

son contento per i 60k visitatori unici, ma dubito che tutti e 60 mila capirebbero l'articolo che stiamo commentando da cima a fondo. D'altra parte quanti sono quelli che leggono e capiscono quel che scrivono i Bagnai, i Borghi, le Napoleoni, i Barnard o gli adepti di Auriti?

Per esempio, sul perché e percome si possa (provare a) stimare relazioni endogene fra variabili (cioé quando la variabile A influenza la variabile B, ma anche B influenza A), tema accennato nel primo post, si arriva, peraltro non sempre, in un corso di econometria di una laurea in economia.

Leggere questo inizialmente mi ha sorpreso non poco. Poi mi sono ricordato che da studente ho condiviso la casa per qualche tempo con degli studenti in medicina e di economia, e di come mentre costoro si lamentavano in continuazione di quanto fosse difficile passare analisi o statistica, quando davo uno sguardo ai loro appunti ed esercizi, mi sembravano sempre piuttosto banali rispetto a quanto incontravo io a ingegneria, per non parlare di quello che incontravano mio fratello o mio cognato a matematica.

P.S.: repetita juvant, non mi lamentavo, perchè non pensavo volesse essere un articolo divulgativo.

quando davo uno sguardo ai loro appunti ed esercizi, mi sembravano sempre piuttosto banali rispetto a quanto incontravo io a ingegneria

La matematica e' abbastanza facile, ma non si puo' ripetere un corso di econometria in un blog.