Titolo

FARE, un partito territoriale

1 commento (espandi tutti)

Come non considero prioritario più stato o meno stato, ma "se" e "come" si applicano i modelli di erogazione dei servizi, allo stesso modo non considero proritario se il movimento parte dal basso o dall'alto .. o dagli strati intermedi :-).

Ambedue le modalità hanno pregi e difetti, e i difetti possono scaturire e venire a galla in ambedue i casi, se il movimento parte dal basso e la maggioranza non percepisce certe necessità organizzative e di gestione, voterà democraticamente delle persone e/o delle organizzazioni poco propense al Fare le cose con le modalità più idonee.

Caro Marco, è come se stessi indicando che lo spoil system è un male perchè parte dall'alto, non è così, è normale che uno si circondi di persone di cui sente maggiore attinenza, confidenza e fiducia, il problema non sta sul fatto che sei stato indicato dall'alto, ma nel caso sardo è semplicemente dovuto al fatto che la scelta non è stata accompagnata da criteri oggettivi di selezione effettuati da strutture indipendenti che definiscono delle regole/criteri e il controllo della loro applicazione, nel caso tuo serviva sicuramente più tempo perchè c'è maggiore complessità, magari più risorse economiche e umane, e altre attività più attinenti con il territorio .

L'attività di verifica che ho fatto sul nostro personaggio sardo è utile ma è accessoria, l'attività di segnalazione da parte dei partecipanti al movimento, come è stato suggerito da Vincenzo è utile ma è accessoria, è evidente che per esempio manca una componente fondamentale di una organizzazione di un movimento che vuole cambiare le modalità di come FARE le cose in Italia, ma attenzione al "come".

In Italia troppe cose si FANNO e si calano dall'alto, funzionano male e allora pensiamo di risolvere il problema se lo facciamo dal basso, non è così, io proporrei di trovare i soldi e farsi fare qualche consulenza superpartes :-) .... a fianco.