Titolo

FARE, un partito territoriale

1 commento (espandi tutti)

Secondo me, nessuno dei partiti alle lezioni è riuscito neanche a comprendere i macroproblemi del sistema Italia.
Forse perché sono così grossi che è più facile distinguerli a distanza.
O forse proprio perché è l'essenza stessa del "partito" che oscura la vista ai suoi componenti.

Provo ad elencarli:

- PARLAMENTARISMO (prevalenza del potere legislativo su quello esecutivo-leggere Maranini, Montesquieu, le costituzioni angolsassoni etc.): vedi attuale impasse.

- PARTITICRAZIA (derivante sia dal parlamentarismo, che dalla legge elettorale senza preferenze, che dalla legge sul finanziamento pubblico, che dalle modalità remunerative delle cariche elettive);

- INCOMPETENZA di chi esplica i tre poteri:
   - Legislativo: guardarsi un pò "striscia"
   - Esecutivo: nessun ministo ha mai avuto la minima idea di come funzioni il suo ministero.
   - Giudiziario: la maggiorparte dei giudici non prova neanche ad applicare "il diritto", bensì solo quella parte che gli viene indicata dagli avvocati - la parte con avvocato incapace è semplicemente fritta.

- INUTIILITA' DELLA COSTITUZIONE, non difesa né da sanzioni né da un presidente eletto in modo diretto né da distemi di democrazia diretta per gestirla, anzi violentata continuamente da una corte succube dei partiti, specialmente da uno.

- SOCIALISMO. Attività economiche pubbliche e monopoli di stato: lo stato "dottore" lo stato "insegnante", gli enti locali "banchieri" (per mezzo delle fondazioni), partecipanti (per lo più con maggioranza relativa o assoluta) in società le più disparate, finanziatori a pioggia di attività ad libitum (non ultima la stampa).

Mi sembra abbastanza, eh? Ma come mai nessun partito, in una campagna elettorale così accesa e variegata, li ha manco citati? Solo accenni vaghi e confusi a singoli fenomeni privi di contesto?

Forse perché ci manca un "movimento liberale senza sconti" che li descriva?

Allora, lasciamo che gli elettori arrabbiati continuino a menare colpi a vanvera (voto a Grillo) o proviamo a togliergli la benda?