Titolo

FARE, un partito territoriale

7 commenti (espandi tutti)

Non capisco la delusione post elettorale. Che cosa vi aspettavate, considerando i tre mesi di vita e il devastante effetto Giannino?

Nelle sue prime elezioni regionali, il m5s nel 2010 fa in Lombardia 2.33%, Piemonte 3.67%, Veneto 2.58%, Campania 1.33%, Emilia Romagna 6%, Molise(2011) 2.27%. Credo che Fare possa arrivare tranquillamente all'8-10% in due-tre anni e risultare decisivo.

Alle elezioni parlamentari siciliane del 2008 gli Amici di Beppe Grillo presero 46.396 voti, pari allo 1,72% dei voti validi espressi, dopo almeno 3 anni, se non in alcuni casi 4, di presenza sul terreno, ed avendo come candidato presidente una cause célèbre che tirava la volata.

In provincia di Trapani, di cui raccontavo l'altro giorno in un altro commento su NfA lo sfondamento di quota 40% alle recenti legislative, nel 2008 presero appena 2.924 voti, pari allo 1,284%.

p.s.

ASTROLOGO 4/3/2013 - 12:33

Nel dato delle regionali per il Molise c'è un "Fare Molise" con un risultato (2.94%) molto diverso rispetto a quello della Camera (0.94%). Si tratta della stessa lista?

Risposta

dino 4/3/2013 - 16:57

Ma come non lo sai, il Molise ha una fortissima tradizione liberale!!

 

Scherzi a parte, in Molise FID si e' alleato con la coalizione di Massimo Romano (Costruire Democrazia). Massimo Romano e' un giovane politico che ha cavalcato, secondo me in maniera populistica, il sentimento di antipolitica che e' andato formandosi in questi anni. Se non sbaglio, ha iniziato la sua carriera politica con l'italia dei valori. Ha poi partecipato alle primarie del PD. Ha litigato un po' con tutti e alla fine e' andato da solo. Avrei altri aneddoti che mi risparmio volentieri, magari chiedi al coordinatore regionale i motivi di tale alleanza.

 

Parliamo di Regionali. Fare Molise ha ottenuto 4326 preferenze su un totale di 4941 nella sola provincia di Campobasso (vale a dire il 3.48% a livello provinciale,  altro che Triveneto!!). Di queste preferenze, 1486 (vale a dire 1.12% su base provinciale) sono andate a Gianluca Cefaratti. Cefaratti e' il nuovo che avanza proveniente dalla societa' civile essendo stato 1) sindaco di Campodipietra e primo eletto nelle liste PDL alle recenti provinciali, 2) presidente del consiglio provinciale, 3) passato a FLI nel febbraio 2012, 4) passato a FARE avendo visto la "mala parata" (scusate la deriva molisana) che si prospettava con FLI. Quindi quei voti non sono voti al programma o alle idee di FARE, ma voti di un bacino politico ben radicato e pre-esistente.

 

Lo stesso si puo' dire per il secondo, Stefano Maggiani, 863 preferenze (0.70% su base provinciale). Maggiani (ex PDL, http://www.stefanomaggiani.it/) e' membro del Nucleo di Valutazione dell’Azienda Sanitaria Regionale del Molise (ASREM), se vuoi che ti spieghi come funzionano alcune assunzioni all'ASREM te lo dico in privato per evitarmi fastidi, sai la regione e' piccola e la gente mormora. Un'idea te la puoi fare leggendo qui:

 

http://www.asrem.org/public/yvn1uoy5--rassegna%2027%20settembre.pdf

 

oppure qui:

 

http://www.primonumero.it/attualita/primopiano/articolo.php?id=11615

 

Inoltre Maggiani e' membro del consiglio di facolta' della universita' del molise. In questo caso non c'e' bisogno che mi prenda dei rischi perche' il sistema di assunzioni e' spiegato qui:

 

http://espresso.repubblica.it/dettaglio/luniversita-dei-parenti/2141486

 

Conclusione. FARE alle regionali molisane ha ottenuto il 3.48% nella provincia di Campobasso. Si puo' affermare con una certa confidenza che 1.80% sia puro e semplice voto clientelare. Sia ben chiaro che Gianluca Cefaratti e Stefano Maggiani siano delle brave persone, fino a prova contraria. Resta il fatto che NON SONO IL NUOVO CHE AVANZA, anzi credo che abbiano coinvolto FARE in logiche che non dovrebbero appartenere al movimento.

 

Da molisano e convinto sostenitore di FARE provo una profonda amarezza. PENSARE prima di FARE !!!

E io che pensavo che fosse il risultato della campagna-shock del molisano Scacciavillani

http://youtu.be/sn0AUKxTFcw

http://youtu.be/t7l47EkBqAI

http://youtu.be/BnUlfvDIONo

:)

Risposta II

dino 4/3/2013 - 18:45

In molise 107 voti per Scacciavillani non sono pochi, soprattutto in provincia di Isernia. Ripeto, ho una fortissima prior che FARE in Molise si sia fatto cannibalizzare da esponenti appartenenti alla "vecchia logica politica clientelare". Magari mi sbaglio, ma se cosi' fosse allora e' un errore molto molto grave.

 

Scacciavillani e Saavedra (coordinatore regionale) hanno racimolato un totale di 302 voti. Cefaratti e Maggiani 2349. In pratica S&S, a conti fatti, contano quasi zero a livello territoriale.

Scacciavillani e Saavedra (coordinatore regionale) hanno racimolato un totale di 302 voti. Cefaratti e Maggiani 2349. In pratica S&S, a conti fatti, contano quasi zero a livello territoriale.

Invito i fautori delle preferenze a prendere nota di questo fatto aneddotico (coerente con tutta l'evidenza statistica storica del voto di preferenza). Il voto di preferenza in Italia favorisce chi intermedia risorse pubbliche a favore di clientele e piu' in generale sudditi, quando va bene, oppure chi e' colluso col crimine organizza Pensare che le preferenza, anche al Nord, possano selezionare le persone migliori, e' pura follia, data l'evidenza disponibile come ad esempio quella di Bordighiera e gli altri comuni settentrionali sciolti per infiltrazioni mafiose, e anche tutta la recente evidenza di infiltrazioni del crimine organizzato nel voto di preferenza nelle elezioni locali lombarde.