Titolo

Il margine di errore nei sondaggi della consistenza elettorale di un partito piccolo

1 commento (espandi tutti)

Giannino che è persona che stimo molto, conosciuta ma che forse ha un lato istrionico e un modo di parlare volutamente "senza semplicità" soprattutto nell' elaborare i pensieri con incisi e subordinate che si rincorrono freneticamente che sicuramente lo penalizzano.

Rispondo solo su questo punto perché è effettivamente interessante.  Di recente Giannino si è trovato a partecipare  a programmi televisivi che erano per così dire "ostili": quantomeno gli è stato dato ben poco spazio rispetto agli altri che partecipavano.  In quelle circostanze Oscar non ha dato il meglio di sé: dovrebbe scegliersi bene le priorità su cosa dire, parlare in modo secco e preciso, e anche alzare un po' la voce se questo serve a farsi notare nei momenti più propizi del dibattito, sapendo che le occasioni di dire qualcosa saranno poche.  Faccio solo un esempio molto recente: non è proprio il caso che un conduttore (Formigli) dica: "beh, a quanto pare tutti i partiti dicono che ridurranno la spesa pubblica, però poi nessuno lo fa" e chi rappresenta FID si limiti ad annuire e soggiungere "infatti siamo da soli", quando lo stesso giorno aveva fatto un intervento molto preciso proprio su questo tema!