Titolo

L'economia sociale di mercato, commenti

2 commenti (espandi tutti)

Finalmente un economista che distingue liberalismo da laissez faire.

"Un mercato è un sistema giuridico. In assenza del quale, l'unica economia possibile è la rapina di strada".

Il principio liberale che il mercato debba essere difeso anche (ma non solo) dalla prepotenza pubblica, mi sembra così elementare e condivisibile che suona stranissimo che possa generare tante opinioni contrarie.

Comunque, per venire alla critica, non sono tanto sicuro che siamo così fortunati per il fatto che la ns. politica monetaria sia decisa a Francoforte. Per due ragioni:

1] Francoforte ha già fatto due errori macroscopici:

- una prima stretta monetaria mentre l'economia era in espansione (per salvaguardare il valore degli interessi bancari dall'inflazione);

- un successivo rilascio eccessivo dei cordoni, nei confronti delle sole banche, a "buoi già scappati" (per evitare il fallimento degli stati più debitori, e quindi la rovina delle banche stesse).

Sostanzialmente, una miope politica negli interessi degli azionisti della banca europea, per confermare che il noto detto sui capitalisti (i peggior nemici del capitalismo) può essere trasferito ai banchieri (ed alla poiltica monetaria).

2] Perché la politica monetaria è vitale per uno stato. Perché "money matters". E perché in nessun caso è conveniente ad uno Stato indebitarsi. L'idea era che, per paura degli interessi, lo Stato avrebbe speso meno. Mi chiedo chi abbia avuto questa idea così brillante. Spero almeno che chi ritengo veramente brillante (il prof. Boldrin) non la condivida.

La soluzione è un'altra. E come al solito, è Costituzionale.

Basterebbe copiare la Costituzione Svizzera che definisce lì i confini delle proprie politiche monetarie.

Veramente, anche noi li avremmo questi confini (art. 81). Ma purtroppo la nostra è una costituzione incompleta, che non difende se stessa, e quindi non serve a nulla.

Caro Guido,
potresti spiegare come vengono definiti i confini delle politiche monetarie nella costituzione svizzera?
grazie!

m.