Titolo

L'economia sociale di mercato, commenti

4 commenti (espandi tutti)

Perchè loro stanno in nicchie di mercato "naturalmente protette".

Infatti l'insegnamento (compreso quello universitario) è impartito in una certa lingua, e sussidiato dallo Stato (di cui è l'espressione).

In tutto il mondo, incluso negli USA, dove è competenza primaria dei Singoli Stati - dico!, neanche dell'Ugnone Federale - l'istruzione è localizzata e gestita dalle comunità di cittadini che sono titolari di una certa Cittadinanza Politica.

Basti pensare, per dire, che gli studenti universitari dell'Ohio sono "stranieri" per le Università del Michigan. Ogni studente è "straniero" per le istituzioni educative degli altri Stati.

MA costoro vengono a darci lezzjoni di Liberismo.

RR

Gli USA sono ingiustamente definiti un paese iperliberista o simile (nei confronti dell'Italia non ci vuole molto), questo non prova il fatto che i cosiddetti "Privilegiati di Fare" non abbiano le capacità per mettersi in discussione e in competizione in un'eventuale liberalizzazione del sistema scolastico negli USA. E non prova nemmeno che quello degli USA sia un sistema efficiente.

Gli studenti dell'Ohio sono liberissimi di frequentare U of Michigan, se lo ritengono opportuno, se vengono ammessi alle difficili prove di selezione di questa universita' statale che in italia ce la sogniamo, e se sono disposti a pagarne le rette o se ricevono sostegno finanziario in altro modo. 

Non capisco in base a quale principio, liberista o meno,  i cittadini del Michigan dovrebbero sussidiare quelli dell'Ohio.

In realtà io "commentavo il commento" dell'altro utente rammentando come sia molto più facile dare lezioni di liberismo rimanendone però schermati dagli effetti concreti per quanto attiene alla propria posizione. A questo riguardo portavo a sostegno la situazione dell'istruzione, anche quella superiore, degli Stati uniti, laddove e.g. l'Università dell'Ohio e quella del Michigan, dipendendo strutturalmente/logisticamente e in larga parte finanziariamente dai rispettivi Stati, non possono essere messi in analogia con, per dire, un produttore tessile italiano e un produttore tessile cinese che competono sul mercato senza tali condizioni oggettive di "sicurezza".