Titolo

Uccidere Linate per far crescere Malpensa? Una pessima idea

1 commento (espandi tutti)

Guarda Francesco che mi sa che è inutile continuare: tu dici che i tre aereoporti si sono sviluppati seguendo modelli di business diversi, non ti eccepisco nemmeno che da LGW puoi volare (quasi) ovunque, diciamo che hai  ragione: HTR hub, LGW point to point STN low cost e charter, come Luton, ma lasciamo stare, bene questo "modello" ,parole tue, è quello applicato dal Governo, da BAA, da tutti insomma,ha fatto sviluppare Londra fino a 120/130 mln di passeggeri. Giusto ?
 Questo modello, secondo i pianificatori nostrani è sbagliato, il "modello" è un unico aereoporto che fa tutto e i low cost a 100-200km dalle città, perchè altrimenti il mono-aereoporto non si sviluppa, ovvero, secondo loro "l'offerta" deve essere su un solo aereoporto, iodico che "l'offerta " su più aereoporti è un modello vincente, come dimostra Londra, e che la "concorrenza" sviluppa gli aereoporti, a patto che ci siano carrier interessati.
Poi se vuoi spaccare il capello in quattro su cosa significa concorrenza aereoportuale, su chi decide cosa, sulla distanza degli aereoporti dal centro (fai correggere le voci Wikipedia se pensi di avaere ragione, ma la vedo dura) possiamo pure farlo, dimmi: mi interessa spaccare il capello in quattro, e cominciamo. Ad esempo cominciamo dal concetto "distanza dal centro"e definiscimi il centro. 
Oppure vai con "segmentazione dell'offerta e cannibalizzazione del mercato", che è un argomento interessante con vastissima letteratura.
Infine c'è "regolamentazione dei mercati e cattura dei regolatori", che offre altri spunti di divisione del capello.