Titolo

Quanta flessibilità è necessaria?

1 commento (espandi tutti)

Grazie del testo, che costituisce un ottimo punto della situazione.

 So che piu' un settore è vasto è piu' sono complesse le soluzioni tuttavia credo che quando non si trova la quadratura (per esempio mancano risorse) all'interno di un settore se debba affrontare il problema da un punto di vista piu' ampio. La società è un insieme di componenti tra loro collegati e mi sembra un po' riduttivo, anche se è la via piu' semplice, operare solo in singoli settori, separatamente. L'esperto (o il tecnico) procede cosi', perché è competente in un settore e meno in altri ma si rischia di non ottenere i risultati sperati oppure di creare problemi in altri sottosistemi.

 Parlando di flessibilità, per esempio, se il mercato del lavoro diventa piu' flessibile ma il resto rimane rigido, non mi illudo che ci saranno grandi cambiamenti: se fuori nulla si muove anche il mercato del lavoro rimane congelato. Flessibilità: non c'è solo quella del mercato del lavoro ma anche quella nel mercato dell'abitazione. Se le persone non si spostano perché sono tutte proprietarie (grazie a quella genialata dell'equo canone che ha distrutto il mercato dell'alloggio in affitto) e cercano lavoro solo vicino a casa, non aspettiamoci grandi vantaggi dalla accresciuta flessibilità del lavoro. Per l'abitazione ormai la frittata è fatta ma si potrebbero rendere piu' fluidi gli spostamenti interni alla nazione: in presenza di un serio federalismo (anche fiscale) in cui ogni luogo ha le sue aliquote fiscali, per le persone fisiche e quelle giuridiche, si verrebbe a creare la convenienza per aziende e persone fisiche a trasferirsi nelle zone con minore pressione fiscale. Mancano le risorse? Si trovano, localmente, se ogni luogo inizia ad aliminare burocrazia, corruzione, sprechi. E prima lo fa, prima puo' abbassare le aliquote ed attirare attività che altrmenti andrebbero in Serbia. Sempre a proposito di risorse mancanti, ricordo che qui su NfA avevo presentato una proposta di riforma del sistema di rimborso dei costi del SSN e che il passaggio da un sistema Beveridge ad uno Bismark, come Francia e Germania, consente di eliminare l'IRAP dando cosi' consistenti risorse alle imprese, anche le micro e le piccole, che sono quelle piu' in difficiltà in caso di inasprimento di aliquote per finanziare i nuovi ammortizzatori.