Titolo

Protezione dell'occupazione: alcuni effetti economici e un'idea per riformare

4 commenti (espandi tutti)

Se l'impresa ci guadagna o meno dipende da quanto prezza il rischio e da qual è il suo tasso di attualizzazione. Secondo me il guadagno c'è.

Nel sistema attuale quando assumo un dipendente,  so che se dopo un anno voglio licenziarlo dovrò pagare un ammontare incerto che dipende dal fatto che io riesca o meno ad accordarmi e che di conseguenza si vada o meno in causa.

Con la proposta, io saprei ex ante quanto mi costa licenziarlo e potrei tenere conto di questa informazione nel formulare la mia decisione di assunzione.

In generale, credo che per un'impresa sia un fattore positivo sostituire un costo futuro incerto con uno predeterminabile. 
In generale, la eliminazione di un cospicuo numero di cause inutili (dico inutili perchè mere formalità dall'esito scontato in partenza) dovrebbe giovare a tutti (meno che agli avvocati che sulla cosa lucrano).

Massimo, no, non hai sostituio niente perché hai un elemento di incertezza legato al fatto che il lavoratore ti faccia comunque causa. A meno che l'ipotesi non sia che tutti accetteranno l'indennizzo iniziale in base a quello che già adesso avviene (rarissime richieste di reintegro). Vorrei pero' conoscere a questo punto l'entità media degli indennizzi riconosciuti, perché si tratta (per dire) di 36 mensilità il lavoratore ha comunque incentivo a fare causa. Aggiungo che non conosco cosi' bene la realtà italiana ma credo che il meccanismo proposto esiste già in via di accordo privato tra le parti (io impresa ti riconosco una buonuscita e tu ti impegni impugnare il licenziamento): chiederei agli imprenditori del sito di dirci se si tratta di un meccanismo utilizzato o meno.

...ed è piuttosto diffuso. Hai ragione. Peraltro, non solo tra gli assunti a tempo indeterminato, ma anche tra quelli che hanno lavorato anni con contratti a tempo determinato o a progetto (casi classici e illegali: contratti a tempo determinato rinnovati oltre il periodo legalmente concesso o co.co.pro che mascheravano lavoro dipendente). Se mi licenzi/non mi rinnovi il contratto ti chiedo soldi per non farti causa. Conosco almeno 4-5 persone (in settori diversi) che ci sono passati, con alterne fortune...
Resta da capire quanto ciò rientri in quanto previsto dalle norme o se sia solo un accordo tra gentiluomini...

confermo

chemist 24/2/2012 - 13:05

Confermo. Ovviamente nelle aziende minimamente serie.