Titolo

Ragioniamo sull'F-35

4 commenti (espandi tutti)

Perdonate la curiosita' un po' naive: ma se un pilota sbaglia una manovra e distrugge un F-35 (circa 106 milioni di euro), chi paga? Cioe', siamo assicurati?

In quel caso dovrebbero pagare i contribuenti. Se poi si prova che all'origine c'è un guasto tecnico o un difetto di progettazione, invece, può capitare che a pagare siano i fornitori (dipende ovviamente dal contratto di acquisto o noleggio).

Ad ogni modo, purtroppo capita, sono cresciuto a due passi da un aeroporto militare, ogni tanto ne cadeva uno (aneddoticamente, più di una volta all'anno, per cui per tutta l'AM saranno diversi all'anno, ma suppongo non sia particolarmente difficile trovare le statistiche relative) , qualche volta purtroppo il pilota ci lasciava le penne.

P.S.: ovviamente il mio è un discorso generale, non mi riferisco agli F-35, anche perché ancora ce ne sono ben pochi in giro.

Ci sono tre fattori da tenere in considerazione:

1) tecnologia: le tecnologie di oggi risolvono molti dei problemi che c'erano un tempo. Ciò riduce gli incntidenti. 

2) addestramento: durante la Guerra fredda si facevano molti più addestramenti di oggi. E' dunque naturale che ci fossero più incidenti.

3) Per via di questi due elementi, allo stato attuale, le perdite sono molto limitate. L'ultima grande perdita che si è avuta in Italia risale a qualche anno fa, quando durante uno show abbiamo perso un NH-90 (il pilota è morto. Dal video della scena, mi pare che la responsabilità dell'incidente fosse di quest'ultimo, ma non posso dire di più, nè so cosa le indagini successive hanno stabilito). La ragione si trova anche nell'enorme costo di questi mezzi. Si cerca di risparmiarli in guerra, si pensi si le nostre FF.AA li vogliono perdere in tempo di pace!

3) Per via di questi due elementi, allo stato attuale, le perdite sono molto limitate.

 

Velocissima ricerca, ho trovato questa lista su 30 F-16 dal 2003 al 2008 (fino a non poco tempo fa credo fossero ancora in nolo all'AM, ma non ho trovato dati aggregati post 2008).

Su 30 velivoli, in 5 anni ne hanno persi 5, due a mare di fronte Birgi nel 2004 e nel 2008, 2 durante le manovre del 2006 a Decimomannu (se non erro ci fu una collisione), ed uno per un bird strike nel 2007. Tra l'altro non sono certo che la lista copra tutto il 2008, ma pur prendendola per buona, ed ipotizzando per i 30 velivoli un 30 mila ore di volo complessivo nel periodo in questione, ci sarebbe un velivolo perso ogni 6 mila ore. Spannometrico, chiaramente, non dovrebbe essere difficile trovare dati ben più precisi ed attendibili, ma mi stupirei se ci muovessimo di un ordine di grandezza (almeno per gli F-16).

 

ci sarebbe un velivolo perso ogni 6 mila ore. Spannometrico, chiaramente, non dovrebbe essere difficile trovare dati ben più precisi ed attendibili, ma mi stupirei se ci muovessimo di un ordine di grandezza (almeno per gli F-16).

Well, turns out che almeno fino al Settembre 2001 il produttore dichiarava 1 velivolo perso (tra quelli in mano all'USAF) ogni 25 mila ore di volo ...