Titolo

Ragioniamo sull'F-35

3 commenti (espandi tutti)

Anche in questo caso, molte delle cose qui dette non mi sembrano strettamente in contraddizione con quanto ho scritto. E' ovvio che gli USA sono più stringenti sul trasferimento tecnologico, ma è anche vero che: 1) lavorano su tecnologie più avanzate 2) hanno ordinativi superiori.

Se ci sediamo al tavolo, il bargain che otteniamo dipende sia da quanto mettiamo sul piatto che su quanto mette sul piatto l'altra parte. In termini relativi, abbiamo margini di manovra molto superiori verso UK, D e F che non verso gli Stati Uniti. Oltretutto, mentre il consorzio eurofighter ha enormemente bisogno dei nostri ordinativi, lo stesso non si può dire del programma JSF.

Sull'Eurofighter aria-suolo sviluppato dagli inglesi. Vero, ma c'erano anche necessità operative. Ricordiamoci che non è stata un'operazione proprio economica nè tanto meno esterna a logiche industriali (NAO, 2011).

Sul confronto F-35 vs. Eurofighter, credo che qui ci sia un buon riassunto. 

Giusto per chiarezza,

i miei commenti sono solo a scopo di discussione e/o complemento, trovo che il tuo post su epistemes fosse ottimo già 2 anni fa ed apprezzo il lavoro improbo che fai nel tentar di "volgarizzare" certi argomenti.

 

Ok. Grazie della precisazione.

Semplicemente non riuscivo a capire se fossi stato poco chiaro. Questi commenti mi aiutano a capire dove porre maggiore enfasi un'altra volta.