Titolo

Ragioniamo sull'F-35

1 commento (espandi tutti)

Ovviamente concordo con le considerazioni sulla struttura della spesa.

Le prime considerazioni che mi balzano alla mente :

1. Come tutti i programmi in cooperazione con US il core tecnologico è e rimane fondamentalmente US (con qualche condivisione UK). In questo senso i 600 EFA ci hanno lasciato assai di più in termini tecnologici e finanziari

2. La quota Italiana è abbastanza bassa anche per un approccio allo share estremamente riduttivo. Puntiamo in genere ad ambiti di produzione nella logica dei "posti di lavoro"

Riguardo alle due soluzioni : Per le ragioni di cui al punto 1 F-35 è (forse) la scelta migliore da un punto di vista militare e tecnologico, tutta da dimostrare la validità industriale e le ricadute a lungo termine della scelta di privilegiarlo rispetto alla Tranche 3. Diciamo che altre considerazioni (gli americani in queste faccende sono talmente strutturati che fanno sembrare il soviet un covo di anarco capitalisti ) hanno pesato di più.

A livello generale privilegerei una scelta di carattere "europeo" in quanto più equilibrata e con un ritorno maggiore a lungo termine

Per finire una osservazione alle considerazioni di Andrea : chi fa considerazioni del tipo cui accenni NON ha ragione, è un successo dell'attuale assetto avere un ombrello così solido che sia inimmaginabile un qualunque tipo di minaccia. E' come avere una casa e sostenere che è meglio venderla per evitare le spese ed il fastidio del condominio. Ci ripensi quando arriva l'inverno.