Titolo

Uno spettro si aggira per l'Europa (e per l'Italia): l'abuso del diritto

1 commento (espandi tutti)

Mi pare che elusioni e leciti risparmi d'imposta siano il destino di ogni sistema fascio-corporativo.

Il sistema fiscale italiano è pieno di agevolazioni, sconti, eccezioni, detrazioni, casi particolari, dati in passato per tener buone certe categorie. Diciamo che a fronte di ogni regola generale, le corporazioni sono insorte chiedendo che il loro caso fosse trattato considerando le particolarità etc. Il risultato è un sistema che quando lavoravo 30 anni fa per una ditta di consulenza fiscale, è un vero mostro normativo che a fogli A4 e raccoglitori mobili pesava vari quintali e dovevamo spostare da un convengno all'altro con un furgoncino. Il fatto che oggi sia tutto su CD o DVD non deve ingannare. La complessità e tortuostà del sistema tributario italiano è infernale ed i testi sono illeggibili, pieni di incomprensibili rimandi. Ma offre mille pieghe a chiunque sia disposto a pagare i servizi di bravi consulenti, per capire come fare per risparmiare imposte. Per contro quando mi sono spostato all'estero, ho trovato una legge tributaria che stava, su carta, sul palmo della mano e che è pienamente comprensibile da un cittadino che abbia seguito con profitto le scuole dell'obbligo.

La soluzione quindi all'abuso del diritto è un diritto semplice, lineare, comprensibile, con pochissime eccezioni, meglio senza. Tra l'altro questo è anche uno dei dei fattori di successo nella lotta contro l'evasione vera e propria (sommerso).