Titolo

Fassina, leggi Krugman

4 commenti (espandi tutti)

Non capisco perché mi ritrovo a dover difendere le loro posizioni, ed è un brutto segno, vuol dire che vi ostinate ad ascoltare solo un certo tipo di posizioni e idee. Ho dato una veloce occhiata ad alcuni loro articoli, da quel che riesco a ricordare piu o meno è questo: i salari dei paesi centrali non sono agganciati alla produttività, nel senso che crescono molto meno della crescita della produttività. L'Europa è strutturata in modo tale da favorire sempre piu la divergenza della produttività tra pesi centrali e paesi periferici. Fatte queste considerazioni, non ritengono giusto che l'onere dell'aggiustamento della bilancia commerciale spetta ai paesi periferici. Riequilibrare la bilancia tenendo a freno i salari non può funzionare, primo perché i paesi periferici hanno prodotti a minor valore aggiunto che fanno concorrenza direttamente con quelli cinesi, secondo se tutti insieme i paesi periferici attuano la medesima politica, il vantaggio competitivo viene ovviamente annullato. Loro dicono, piuttosto che pagare noi il riequilibrio della bilancia, perché non pagano invece i tedeschi, facendo agganciare i loro salari alla produttività come facciamo anche noi (quasi tutti noi, nel senso che anche noi italiani abbiamo dei salari un pò sotto la produttività, come è stato spiegato in una discussione su questo blog)?

Fondamentalmente perchè sembrano insensate.

i salari dei paesi centrali non sono agganciati alla produttività, nel senso che crescono molto meno della crescita della produttività

Questa è un'affermazione precisa.Non so se sia vera, ma ammesso che lo sia, o i produttori tedeschi sfruttano i lavoratori per venderci roba scontata o lo fanno per guadagnare più del dovuto. In entrambi i casi è un problema per i lavoratori tedeschi, per noi nel primo caso è un vantaggio, nel secondo indifferente.

L'Europa è strutturata in modo tale da favorire sempre piu la divergenza della produttività tra pesi centrali e paesi periferici.

Che vuol dire? C'è forse una polizia europea che ci proibisce di produrre roba ad alto valore aggiunto?Mai sentito.

Fatte queste considerazioni, non ritengono giusto che l'onere dell'aggiustamento della bilancia commerciale spetta ai paesi periferici.

Che mi risulti la bilancia commerciale si bilancia da sola: un paese non può esportare denaro o fare debiti per sempre, ad un certo punto si trova a dover ridurre le importazioni.Per l'Italia direi che i siamo quasi.

Riequilibrare la bilancia tenendo a freno i salari non può funzionare, primo perché i paesi periferici hanno prodotti a minor valore aggiunto che fanno concorrenza direttamente con quelli cinesi, secondo se tutti insieme i paesi periferici attuano la medesima politica, il vantaggio competitivo viene ovviamente annullato.

Come detto sopra, la bilancia si riequilibria importando meno. O esportando di più: la moderazione salariale c'entra solo se non si riesce ad essere competitivi in produzioni ad alto VA.

Loro dicono, piuttosto che pagare noi il riequilibrio della bilancia, perché non pagano invece i tedeschi

Già, perchè i nostri debiti non li voglion pagare loro? Che tirchi!

Sostanzialmente suggeriscono di redistribuire tra lavoratori a diversa produttività: si fa già all' interno degli stati ma vorrebbero farlo pure tra tedeschi ed italiani ed atri.

...facendo agganciare i loro salari alla produttività come facciamo anche noi (quasi tutti noi, nel senso che anche noi italiani abbiamo dei salari un pò sotto la produttività, come è stato spiegato in una discussione su questo blog)?

I salari di tutti sono legati alla produttività: uno pagato piu di quanto produce è un parassita (1), se ce ne sono troppi l'azienda per cui lavora fallisce.

(1)anche se magari è una brava persona che lavora 15 ore al giorno, resta il fatto che eliminandolo l'ente per cui lavora ci guadagnerebbe

Standing ovation

Come si fa ad alzare i salari secondo te? Diciamo ai sindacalisti di fare la faccia piu' cattiva? I sindacalisti tedeschi sono dei bonaccioni?