Titolo

Le attitudini degli studenti italiani per la matematica e la fisica

4 commenti (espandi tutti)

Sul punto a cui ti riferisci, ad esempio, leggiamo un'ipotesi che mi pare piuttosto debole:

Si presuppone che a tentare l'accesso sia la crema degli studenti italiani

Non vedo nessuna prova portata a supporto di tale ipotesi.

Leggi il punto 4. delle premesse: oltre il 20% degli studenti si è diplomato con il massimo dei voti.

Io se volessi valutare la crema degli studenti itailani in matematica, probabilmente andrei a guardare le conoscenze e le capacità degli iscritti in matematica, fisica ed ingegneria.

Assolutamente, i migliori sono ad ingegneria, senza alcun dubbio (ovviamente scherzo).

Tornando seri: purtroppo per ingegneria non esistono testi di ingresso a livello nazionale che abbiano numeri anche lontanamente significativi (l'unico sarebbe ingegneria edile - architettura, ma ha numeri risibili). Che i migliori studenti con capacità in matematica e fisica si iscrivino ai corsi di laurea da te indicati è probabile: che quelli siano il meglio degli studenti italiani in senso assoluto è discutibile.

A scanso di ulteriori equivoci (vedo che molti commenti si sono concentrati su questo punto): ho scritto crema perché si intende che la quasi totalità degli studenti provengono da un liceo e abbiano voti alti. Ad ingegneria, ad esempio, c'è una bella percentuale di studenti che proviene dagli ITIS, che di solito (a torto o a ragione) non sono considerati il meglio dell'istruzione superiore in Italia. In uno dei primi anni di corso (attenzione: informazione aneddotica) venne fatta una statistica tra gli studenti del mio corso (ingegneria elettronica) dalla quale si scoprì che circa il 50% degli allievi provenivano da istituti tecnici o professionali.

Utlizzando questo tipo di indagine credo che una platea migliore non sia analizzabile.

Dobbiamo anche considerare che Medicina costa ed è lunga. Mooolto lunga.

Quindi una sorta di scrematura naturale, che seleziona chi è molto bravo, chi è molto motivato e chi è ricco, avviene.

 ho scritto crema perché si intende che la quasi totalità degli studenti provengono da un liceo e abbiano voti alti. Ad ingegneria, ad esempio, c'è una bella percentuale di studenti che proviene dagli ITIS, che di solito (a torto o a ragione) non sono considerati il meglio dell'istruzione superiore in Italia

Se ci limitiamo alla matematica, a torto direi!

Io ho fatto il classico, ed il primo anno di università ad ingegneria ero una mosca bianca, quasi tutti i colleghi con cui studiavo avevano fatto l'ITIS in varie città siciliane, e, come ci si potrebbe aspettare, non ce n'era uno meno bravo e capace di me in matematica. Sempre aneddoticamente quindi, io andrei a cercare la crema degli studenti di matematica all'uscita dalle superiori tra gli studenti dell'ITIS, non certo tra quelli che hanno frequentato i licei ...

Io ho fatto il classico, ed il primo anno di università ad ingegneria ero una mosca bianca, quasi tutti i colleghi con cui studiavo avevano fatto l'ITIS in varie città siciliane, e, come ci si potrebbe aspettare, non ce n'era uno meno bravo e capace di me in matematica. Sempre aneddoticamente quindi, io andrei a cercare la crema degli studenti di matematica all'uscita dalle superiori tra gli studenti dell'ITIS, non certo tra quelli che hanno frequentato i licei ...

Su questo punto con me sfondi una porta aperta: il liceo classico dà una preparazione veramente inadeguata alla matematica (almeno era così ai miei tempi, 13 anni fa). Infatti, io sconsiglio il liceo classico anche a chi vuole fare Medicina e Chirurgia.

Per il discorso "mosca bianca": in quello stesso sondaggio aneddotico risultarono 3 persone su 350 provenienti dal liceo classico (e due di sicuro abbandonarono).