Titolo

Le attitudini degli studenti italiani per la matematica e la fisica

1 commento (espandi tutti)

Ma le due cose mica sono in contraddizione, anzi, io spiegavo appunto la differenza di "peso" (ovvero perché la forza totale esercitata dal fluido sul contenitore è diversa dalla forza esercitata sul solo fondo, nel cilindro la forza esercitata sulel pareti è orizzontale, mentre nel cono ha una componente verticale verso l'alto).

Non solo: la corrispondente forza esercitata dalle pareti sul fluido è "responsabile" della parte di forza verso il basso non dipendente dal peso. La legge dei vasi comunicanti ci consente di sapere il valore finale senza bisogno di valutare tutto questo (e meno male, i conti sarebbero piuttosto ostici, credo),  ma non è l'unica analisi che si può fare e siccome la fisica è una teoria coerente quando due modi di vedere la stessa cosa sembrano dare risultati sbagliati vuol dire che in uno dei due (in questo caso quello della somma di forze) si è sbagliato qualcosa, siccome ci sono cascato ho cercato di capire cosa mancava (e penso di averlo trovato, no?). Poi è ovvio che per avere il risultato è meglio analizzare la cosa nel senso dei vasi comunicanti (che rendono ovvio che la pressione dipende solo da profondità e densità e di conseguenza anche la forza totale sul fondo).