Titolo

Le attitudini degli studenti italiani per la matematica e la fisica

6 commenti (espandi tutti)

pensandoci bene, trigonometria l'avevi fatta e anche la definizione di funzione. il quesito non chiedeva poi di derivare nulla ed era alla portata. quella di calcolo combinatorio chiede invece di ricavarsi una formula mai vista, bisogna stare calmi e fare qualche prova, mica facile.

Le domande di fisica e quella con trigonometria si basano su formule e nozioni precedenti e relativamente complesse (nel senso di non ricavabili facilmente seduta stante, o te le ricordi o non te le ricordi). La domanda sul cane richiede che o ti ricordi o ridimostri Pitagora. Invece quella cosiddetta combinatorica non richiede di ricavarsi nessuna formula e si basa solo sul contare, un'attivita' cognitiva molto naturale ed elementare (posso scegliere la prima lettera in 4 modi, per ognuno di questi ci sono 4 modi di scegliere la seconda e fanno 16...sto solo contando, non usando formule). E' la domanda non nozionistica per eccellenza! (quella che piu' di tutte misura pura capacita' di ragionamento invece che 'cultura')

 

Invece quella cosiddetta combinatorica non richiede di ricavarsi nessuna formula....

ok, specifico meglio: se quella formula lì l'avevi già vista, davi la risposta giusta immediatamente, altrimenti ti costava tempo ed energia, preziosi in un test. seni e pitagora, si danno per acquisiti e si chiede di applicarli.

La domanda sul cane basta farsi un disegnino. Conti i quadretti. Roba da quinta elementare/prima media al massimo. Ma scusa tu ti prepari su un test dove sai che c'e' matematica e fisica e non ti guardi le funzione trigonometriche (il nome fa paura ma son due cavolo di onde traslate di 90° gradi che oscillano tra -1 e 1-> e questo bastava per rispondere alle domande) o due formulette di fisica che si fa alle medie? dai su...

E secondo te al classico si parla di onde che non siano quelle dell'Egeo solcate da Enea e da Ulisse? Traslate, poi? Mi sa che tu nonhai fatto il classico.

al classico non si fa matematica? non si è in grado di leggere un grafico allora... in ogni caso se non si studiano queste cose per prepararsi ad un test vuol dire che non si studia niente di matematcia. perchè queste cose stanno alla matematica quanto l'alfabeto sta all'italiano

al classico non si fa matematica? non si è in grado di leggere un grafico allora... in ogni caso se non si studiano queste cose per prepararsi ad un test vuol dire che non si studia niente di matematcia. perchè queste cose stanno alla matematica quanto l'alfabeto sta all'italiano

Se ricordo bene (ho fatto il classico molti anni fa) le ore di matematica al Classico sono solo 2 alla settimana.  E fisica sempre se ricordo bene viene insegnata solo 3 anni su 5. Ritengo che a meno di non avere un insegnante motivato ed eroico al Classico si apprende veramente poca scienza.

In generale il problema risiede nella cultura italiana, che assegna la massima importanza alle materie umanistiche, filosofiche e giuridiche, e minima importanza a matematica, fisica e vile meccanica. Il liceo classico e' ritenuto la scuola d'elite che prepara a tutto perche' (ed e' vero nei licei seri) costringe ad uno studio intenso, per cui in seguito c'e' un certo allenamento per l'universita'.  Tuttavia ritengo un crimine nei confronti della societa' insegnare cosi' poca matematica e fisica nel liceo classico, perdere quei 5 anni e' un danno irreparabile per tutti quelli che non hanno un forte interesse personale per quelle materie, e i risultati si vedono bene nell'incredibile serie di castronerie che dicono i vertici politici ed economici della Penisola.

L'assenza di ragionevoli basi matematiche e fisiche ragionevolmente diffuse rende secondo me la societa' italiana fisiologicamente incapace di organizzarsi secondo standard di efficienza obiettivamente e quantitativamente misurabili.