Titolo

Champagne per tutti! E non serve nemmeno lo scontrino.

2 commenti (espandi tutti)

Con tutti i caveat del caso, riesco perfino a vedere un' interpretazione sensata della circolare:

Se l' accertamento richiede molte piu risorse della verifica, evitare di accanirsi su infrazioni irrisorie puo' portare ad un maggior numero di verifiche.

Detto questo, credo anche io si tratti solo di pubblicita' elettorale.

Se l' accertamento richiede molte piu risorse della verifica, evitare di accanirsi su infrazioni irrisorie puo' portare ad un maggior numero di verifiche.

Questo e' vero, ma l'obiettivo non e' fare piu' verifiche bensi' recuperare piu' imponibile evaso. Queste due cose sono correlate (nel senso che piu' verifiche fanno recuperare piu' gettito) sia perche' controllando di piu' trovo piu' evasori sia perche' piu' controlli costituiscono un deterrente piu' forte all'evasione.

Ma da quello che capisco (soprattutto dal modo in cui viene scovata l'evasione totale) infrazioni irrisorie ex-ante (dopo il controllo e prima dell'accertamento, cioe') spesso nascondo infrazioni corpose ex-post. Questo e' infatti esattamente quello che un astuto evasore fa: riesce a evadere un sacco lasciando nessuna o poca traccia.

Insomma, bisognerebbe avere dati sulle distribuzioni del gettito recuperato da accertamenti con e senza "solido fondamento".