Titolo

Il male del Nord

4 commenti (espandi tutti)

Senza offesa ma questa discussione sta diventando troppo ariosa.

Concordo in pieno, ma e' quello che succede in commenti a thread interessanti (infatti capita spesso su nfA, poi per fortuna qualcuno fa un articolo e i commenti si spostano li' :))

Non aver capito questo significa non aver capito una parola di quel che sostiene Alberto (e ci può anche stare) e non aver capito niente del federalismo dai tempi di Cattaneo buonanima. Quindi si sta parlando non di 1 o di 2 ma di 3 o di 4 cioè del diritto del Nord a lamentarsi.

Se ho capito bene il senso dell'intervento di Giuliano, non credo che stia negando il punto 4.

Credo che sia una ripetizione di quello che ho visto altre volte qui su nfA: in brevissimo, la Francia e' uno Stato centralista ma funziona meglio di noi, quindi abbiamo delle elite scadenti. Chi vi dice che facendo il federalismo questo non succedera' lo stesso? Quindi diciamo che ha a che fare con i punti 1 e 2.

(e bada bene, io non sono contrario al federalismo, e in generale a tutto quello che introduca in italia il concetto di accountability, che al momento non c'e')

In breve: i politici in un paese federalista possono comunque continuare con le loro "prassi sciagurate". Ma lo farebbero sul LORO territorio con i soldi dei LORO elettori.

Se posso dire la mia, questo e' vero fino a un certo punto: la California credo che prima di fallire chiedera' (o lo ha gia' fatto?) l'aiuto del governo di Washington. Certo, il governo federale a quel punto deve chiedere contropartite, e quanto poi questo farebbe discutere sulla reale autonomia della regione?

 

 

 

questo e' vero fino a un certo punto: la California credo che prima di fallire chiedera' (o lo ha gia' fatto?) l'aiuto del governo di Washington. Certo, il governo federale a quel punto deve chiedere contropartite, e quanto poi questo farebbe discutere sulla reale autonomia della regione?

Beggars can't be choosers e questo vale sempre.

In casi estremi il problema rimane, come rimarrebbe negli stati centralisti (ed è il motivo perchè alcuni preferisco le secessioni). Dipende anche da che tipo di federalismo si attua.

Ad esempio in Germania, pur confederati, so che continuano ad esistere "aiuti" fra Laender, e so di continui borbottii da parte di chi i soldi li caccia rispetto a chi i soldi li riceve.

In casi come questi col federalismo rimane il vantaggio di poter isolare "i bubboni", di poter chiedere contropartite e di poter amministrare in maniera più flessibile ed attenta alle esigenze caratteristiche del territorio.

Beggars can't be choosers e questo vale sempre.

Non sempre.

Mi scuso per la battuta polemica e, per farmi perdonare, su questo argomento non intervengo più.