Titolo

Il male del Nord

2 commenti (espandi tutti)

Sembra che la tassazione sulle rendite agricole fosse confrontabile col livello dell'esproprio.

Ma figurarsi: la fondiaria arrivò ad un massimo del 7% della produzione agricola negli  anni Ottanta (Federico 2010 p.201).

Se la rendita media dei terreni agricoli era intorno al 7% quella tassazione era al livello dell'esproprio.  Le lamentele erano che la tassazione (che era indipendente dai guadagni reali ed era catastale ovvero patrimoniale) era vicina e poteva superare la rendita effettiva.

La rendita del proprietario era molto superiore al 7%. Per un podere a mezzadria era quasi il 50%. Per i piccoli proprietari, il 100% (anche se poi questo comprende la remunerazione del lavoro). Il best guess è che terra+capitale assorbivano circa il 50% del VA, che era a sua volta pari all'85%-90% del prodotto.