Titolo

Il male del Nord

4 commenti (espandi tutti)

A parte che un Westfaliano e un Bavarese fra di loro si capiscono

Non credo si capiscano più di un bergamasco e di un genovese. I Westfaliani parlano un dialetto basso Tedesco, mentre in Baviera l'Austro-bavarese che è una varietà dell'alto Tedesco. E quando a Caorle i Bavaresi parlano fra di loro, non capisco nulla di quello che dicono. Forse chi è di madrelingua tedesca ne capisce di più, ma si tratta di due linguaggi abbastanza diversi.

Un paragone:

Dialetto Austro-bavarese (Baviera)

http://bar.wikipedia.org/wiki/Wikipedia

Dialetto basso sassone (westfalia)

http://nds-nl.wikipedia.org/wiki/Wikipedie

Valerio lavoro con le due regioni e ti posso confermare** che se parlano in dialetto non si capiscono ed i bavaresi son fieri di questo quasi fosse un merito loro !?

PS

**A loro dire ovviamente perchè, quando parlano in dialetto, sicuramente sono io quello che non capisce :-(

Molto divertente, per chi pratichi un  po' di tedesco. Non sapevo, confesso, che wikipedia avesse voci anche nei dialetti tedeschi, finora mi ero limitato al veneto, per sentimentale attaccamento alle mie radici...

Comunque i dialetti sono dialetti, questo occorre ricordarlo, e la lingua nazionale (che deriva quasi sempre da una innegabile supremazia storico-letteraria, è così in Germania e così è in Italia) è la lingua nazionale. Non facciamo casini. Il dialetto è un rito familiare, linguistico-identitario. Io lo apprezzo molto, specialmente quando chi lo parla lo alterna sapientemente alla lingua nazionale (come si fa in Veneto, per es., anche nella politica, consiglio una seduta del CC di Venezia) come dichiarazione di una duplice identità. Ma non può - non deve - essere una furbata per negare una delle due identità, quella regionale e quella dialettale.

Cerchiamo anche di non fare casini fra identità linguistica ed identità nazionale.

Il fatto che esista una "lingua nazionale" non implica necessariamente che coloro che parlano la stessa lingua debbano far parte di una stessa nazione, né che coloro che fanno parte di una stessa nazione debbano saper parlare una stessa lingua.