Titolo

Il male del Nord

5 commenti (espandi tutti)

Va bene, se sputate in faccia alla Lega Nord io mi accodo volentieri, ma poi vi prego di venire a fare la fila qui per picchiare selvaggiamente i politici meridionali, perchè sputarli in faccia non basta.

Sono giorni che cerco di analizzare i bilanci comunali di Roma, Milano e Napoli per tirarne fuori un post e capire cosa potrebbe succedere con il "federalismo del campanile" e mi sono imbattutto nella rogna dei "debiti fuori bilancio", per cui penso che mi arrendo, quindi la norma sulla trasparenza sui bilanci comunali e la responsabilità degli amministratori, secondo AL di marca leghista, mi va bene, così, giusto per dire che anche i leghisti son capaci di dire cose di buon senso.

Ma su tutto il resto concordo con Brighella, e ricordo ad Alberto Lusiani, la cui lucidità come fisico ed argomentatore economico è elevata, ma la cui "fede" nella Lega Nord alle volte incide sulla capacità di giudizio, che il senso del post è: cosa guadagna la Lega dall'appiattimento sulle posizioni berlusconiane ?

Non è in discussione il 1994, o il 1999, o il 2001, è in discussione l'oggi, il 2011. Secondo Brighella la LN ci guadagna una rendita politico/economica nei territori da lei controllati (la Balena Bianca Veneta è scomparsa ? o è riapparsa sotto altre forme?). Di tutti i problemi reali, soprattutto la perdita di competitività, la LN semplicemente se ne fotte, e se qualcuno pensa che spostare risorse fiscali dell'1% del PIL fa recuperare la competitività vuol dire che ne capisce poco di economia, soprattutto quando non c'è assolutamente alcun vincolo di destinazione.

Semplicemente quelle risorse serviranno per acquistare ulteriore consenso per rafforzare la propria egemonia politica. Benvenuti al Sud.

cosa guadagna la Lega dall'appiattimento sulle posizioni berlusconiane?

Contro Berlusconi, nel 1996, la LN ha preso tanti voti ma ha ottenuto solo che Berlusconi, Fini, Casini, l'Ulivo, col supporto dei giornali confindustriali, lavorassero tutti assieme appassionatamente per una legge elettorale calibrata apposta per 1) rendere estremamente difficile perfino la presentazione delle liste 2) escludere quanto piu' possibile la LN dalla rappresentanza parlamentare. Ovviamente il risultato si otteneva con artifizi all'italiana indegni di un contesto democratico, col supporto giulivo dei giornali confindustriali.  Nel frattempo la magistratura, nonostante il mostruoso arretrato di reati molto piu' seri ed urgenti, molestava con inchieste sulla "depressione del sentimento nazionale". Questa era la situazione al contorno nella Repubblica delle banane, quando la LN era contro sia la destra che la sinistra.  Aggiungo che quando era contro Berlusconi la LN non solo era sputtanata da tutti i benpensanti e giornali assortiti di sinistra, ma anche da quelli di destra.

Con Berlusconi dal 2000 in poi la LN ha vinto e rivinto elezioni, ha avuto potere, e' riuscita ad approvare qualcosa del suo programma, ha perfino fatto una apprezzabile (per quanto con punti criticabili) riforma costituzionale.  Fai un po' tu.  Sono le condizioni al contorno esistenti nella Repubblica delle banane che hanno quasi costretto la LN a scegliere. Ma ti ricordo e ti sottolineo che dalla fine del 1994 al 1999 la LN e' stata schierata contro Berlusconi, ottenendo solo che gli altri collaborassero con Berlusconi stesso, in maggior o minore misura ma sempre con Berlusconi e contro la LN.

è almeno la seconda volta che parli di cambiamento della legge elettorale nel 1996 e dintorni

 

ma ha ottenuto solo che Berlusconi, Fini, Casini, l'Ulivo, col supporto dei giornali confindustriali, lavorassero tutti assieme appassionatamente per una legge elettorale 

a me risulta che nel 1994 , 1996 e 2001 si sia sempre voptato con la stessa legge ( il matarellum ) e che solo nel 2006 e 2008 si sia votato con la legge "porcata" innescata da Casini ma perfezionata al punto attuale da quel galantuomo di Calderoli.

Se mi sono perso qualcosa spiegami!

 

a me risulta che nel 1994 , 1996 e 2001 si sia sempre voptato con la stessa legge ( il matarellum ) e che solo nel 2006 e 2008 si sia votato con la legge "porcata" innescata da Casini ma perfezionata al punto attuale da quel galantuomo di Calderoli.

Se mi sono perso qualcosa spiegami!

Berlusconi, Fini, Casini e l'Ulivo collaboravano appassionatamente dal 1996 al ~2000 per una legge elettorale calibrata per eliminare la LN nel 2001.  Bossi li ha preceduti accordandosi con Berlusconi nel ~2000, a quel punto Berlusconi non ha piu' collaborato con l'Ulivo e tra le altre cose ha disertato la commissione bicamerale delle riforme.  Tra le molte "innovazioni" all'italiana discusse nelle commissioni e commentate con giuliva soddisfazione sul corriere della sera si poteva leggere ad esempio dell'eliminazione del 4% proporzionale per trasformarlo in premio di maggioranza, in aggiunta all'effetto maggioritario dei seggi uninominali.  Alcuni fantasticavano di leggi simili alle legge elettorale turca, per esempio sbarramenti proporzionali dell'ordine del 10%. Poi ci si stupisce che Bossi abbia trovato una via d'uscita.

mio risulta che la bicamerale sia morta il 9 giugno 1998 , ma forse sbaglio