Titolo

BOOM!

4 commenti (espandi tutti)

No, quello che emerge non è (solo) questo.  Premetto che sto parlando dell'interpretazione di quei dati, quindi si tratta di considerazioni relative.

Confrontata con altre realtà internazionali, l'Italia ha un alto patrimonio e un basso reddito.  COME venga prodotto questo reddito è indifferente, qualora fosse interamente prodotto grazie al patrimonio (es.: il turismo) andrebbe bene lo stesso.  Il problema è che il reddito è basso, ovvero che quel patrimonio non viene fatto fruttare quanto dovrebbe.

Il fatto che il reddito, oltre che basso, sia anche principalmente frutto di rendite e non di innovazione è un altro problema, ma ha a che fare con le prospettive future, non con il flusso di cassa attuale.

Il punto principale è però che non posso addurre come attenuante alla bassezza del mio reddito il fatto che ho un grande capitale: questo fatto è invece, semmai, un'aggravante (mai sentito parlare della parabola dei talenti?).  Il fatto che l'Oscuro Signore proponga una misura di questo tipo è peggio che un'inesattezza: riflette una visione economica il cui significato profondo è "magnamosi tutto, checcefrega" (nonostante Giulio sia nordico, questo concetto si esprime meglio in romanaccio).

Caro Giuliano e caro Marco, credo che i due aspetti della questione che evidenziate si possano sintetizzare con una parola: decadenza.

Siamo in una fase di decadenza. Non sviluppiamo nuove fonti di reddito e stiamo lentamente consumando quelle precedenti.

Se posso andare leggermente OT: questa decadenza è solo in parte colpa dell'attuale governo.

La vera colpa è di noi italiani. E' figlia della nostra mentalità corporativista, che in un mercato globale ci fa solo prendere mazzate. E' figlia del dare i posti di responsabilità a raccomandati e parenti invece che ai più adatti. E' figlia del basso livello della nostra scuola, chè è importante il pezzo di carta non quello che sai.

Oltretutto all'incapacità in certi settori aggiungiamo anche l'arroganza: noi sì che siamo i numeri 1! Da noi sì che si vive bene, mica come negli altri paesi di zulù.

PS

Anedotto: per radio discutevano dell'assenza di tedeschi sulla riviera ligure (credo che gli ultimi siano andati via il 25 aprile '45, ma ci hanno fatto caso quest'anno). Il commentatore diceva che i tedeschi preferivano andare in Spagna, Croazia e "pensate...addirittura in Bulgaria!". Ma, imbecille, ci sei mai stato in Bulgaria? Hai confrontato il rapporto qualità/prezzo di Varna rispetto a Loano? Ma credi che se la Liguria non fosse ad un'ora da Milano/Torino qualcuno verrebbe a farsi salassare in quegli alberghi dei primi del novecento?

I tedeschi che se lo possono permettere vengono in Riviera ( Italia ) perchè per un paio di settimane possono fare quello che non possono fare nè in Germania nè altrove ( schiamazzi notturni , parcgeggio in doppia fila e così via )

Altro che sole , mare , bellezze artistiche!

I tedeschi che se lo possono permettere vengono in Riviera ( Italia ) perchè per un paio di settimane possono fare quello che non possono fare nè in Germania nè altrove ( schiamazzi notturni , parcgeggio in doppia fila e così via )

Cose che mai gli italiani farebbero, vero? Scusa, ma il tuo commento rientra proprio in quel che dicevo sull'arroganza: noi siamo i numeri 1 gli altri zulù.

Tralasciamo che i tedeschi in riviera non ci vengono proprio, fatti un giro in Romagna o in Veneto, chiedi agli albergatori se preferiscono l'albergo pieno di tedeschi o italiani (lascio stare i discorsi regionali) e poi fammi sapere. Nell'albergo dove andavo da ragazzo a Riccione, i tedeschi avevano libero accesso al bar (perchè segnavano quello che prendevano) noi italiani dovevamo chiedere al cameriere.