Titolo

Lo specchio del popolo

2 commenti (espandi tutti)

Resto convinto (come il premier, d' altra parte) che l' influenza delle tv sia grande e decisiva, ma il fatto che abbia perso nel '96 e nel 2006 dimostra chiaramente che è comunque battibile.

Dimostra che è un brocco. Se un cavallo parte con mezzo giro di vantaggio e ancora riesce a perdere è un brocco.

Finché sta nell'ippodromo di casa, quello che gli concede il mezzo giro di vantaggio, puoi anche salire sul carretto del brocco e vincere, ma se poi il brocco vincitore viene mandato a confrontarsi dove deve gareggiare senza alcun vantaggio di partenza sugli altri, il brocco resta fermo al palo con tutti quelli che stanno sul carretto, quando gli altri corrono.

 

 

 

Mai messo in dubbio che sia un brocco, infatti fugge dai confronti diretti. Fatto sta che il mezzo giro di vantaggio glielo hanno dato gli avversari legalizzando il duopolio in cambio del terzo canale rai, lasciandolo scendere in politica nonostante fosse titolare di concessioni pubbliche perché sicuri di vincere (non si accorsero che mentre loro stavan dietro alle sezioni di partito, lui aveva una sezione del suo in ogni casa d' Italia) e non facendo una legge sul conflitto di interessi quando hanno potuto.