Titolo

Lo specchio del popolo

6 commenti (espandi tutti)

Credo che i popoli siano tra loro diversi per alcune caratteristiche di fondo, e alcune di queste investano anche la scelta dei leader.

Gli italiani sembrano avere periodiche infatuazioni per grandi capi, che punteggiano un'attitudine anarchica (o localistica? campanilistica? fammi-fare-i-fatti-miei?) di fondo. Si innamorano di un capo, di tanto in tanto; non guasta che questo a sua volta titilli la sottostante natura anarchica e familistica (amorale), per rinforzare l'innamoramento.

A parte la deriva trash dei giornali italiani (sexy, senza veli, nudità, bizzarri accopiamenti popolano un pò tutte le testate), la parentesi su Ruby mi sembra spiegata dal fatto che il Corriere sa dell'attaccamento morboso (pro o contro, poco importa) del paese con il suo ritratto di Dorian Gray, BS. E cerchi di sfruttarlo.

Ma all'innamoramento, a un certo punto, tra gli italiani segue il voltafaccia. Che mi sembra si stia avvicinando a velocità sorprendente.

Ma all'innamoramento, a un certo punto, tra gli italiani segue il voltafaccia. Che mi sembra si stia avvicinando a velocità sorprendente.

Spero proprio tu abbia ragione. Ma, vedi, questo non risolvera' affatto il problema.  Gli italiani hanno voltato la faccia (o gliel'hanno fatta voltare i magistrati, chi sa) anche a Craxi e alla DC, ma quello che e' venuto dopo non e' stato per niente meglio.

 

Quello che viene dopo lo si dovrà costruire e non sarà per nulla facile. Dati gli attori in campo si può anche essere pessimisti. Però mi sembra che sbloccare la situazione, togliere il paese quantomeno dal declino del Sultano, male non faccia. Mi sembra che le cose si muovano, ci si svegli un pò.

Sarò catastrfoista, ma attendo un 25 luglio. A cui sì, è seguito un 8 settembre. Ma anche un 25 aprile.

il Corriere sa dell'attaccamento morboso (pro o contro, poco importa) del paese con il suo ritratto di Dorian Gray, BS. E cerchi di sfruttarlo.

Sì, questo è esattamente il punto di Giulio. Quella piccola parentesi del corriere.it è stata sicuramente messa con l'idea di attrarre il lettore medio. E il punto di Giulio è che questo ci dice qualcosa sulla mentalità degli italiani.

Consentimi però di obiettare al tuo uso del termine ''anarchico''. Essere anarchici significa non voler comandare e non voler essere comandati. Essere succubi, perfino nei propri sogni erotici, del  megalomane che abbiamo come PresDelCons significa voler disperatamente essere comandati.

Consentimi però di obiettare al tuo uso del termine ''anarchico''. Essere anarchici significa non voler comandare e non voler essere comandati. Essere succubi, perfino nei propri sogni erotici, del  megalomane che abbiamo come PresDelCons significa voler disperatamente essere comandati.

D'accordo; non mi avventuro in scivolose elucubrazioni su come un familismo un pò anarchicheggiante di fondo possa coniugarsi con un pò di servilismo, di tanto in tanto. Porbabilmente non può.

Per essere succubi, occorre però che il PresDelCons comandi davvero. Invece credo che uno dei tratti più popolari di BS sia nel suo 'lasciar fare', il farsi gli affari suoi come segnale di un 'liberi tutti'; incitare a non pagare le tasse, incitare a beffarsi delle regole, passare per 'furbo' mentre gli altri sono fessi, per 'figo' mentre gli altri sono sfigati, per 'bello' prendendosela con la Bindi. Sono tutte strizzate d'occhio al popolo, in cui lui dice 'tutto è lecito', e il popolo si frega le mani. Il popolo inglese, che frequento molto, vedrebbe di cattivissimo occhio il fatto che un potente abusi del suo potere. L'italiano giustifica invece con l'esempio che viene dall'alto il proprio piccolo e insignificante, ma persistente, abuso di potere, elusione della norma, raggiro, 'furbizia'.

Io credo che BS abbia 'comandato' poco. Abbia inasprito ben poco i vincoli, forse solo laddove non mordevano. E' il governo Berlusconi che ha abolito le lenzuolate di Bersani, quel poco che mordevano. Che sta per passare una riforma dell'avvocatura scritta dagli avvocati. Che passa condoni. Tutte queste cose io le vedo confacenti all'etica politica dell'italiano 'furbo': io lascio fare a lui, lui lascia fare a me.

Solo questo mi permette di razionalizzare il fatto che leggi ad personam siano accolte dalla maggioranza della popolazione con un 'embè'? Finché BS si occupa degli affari suoi, non si occupa dei miei. Se poi quano si occupa dei miei o fa condoni o fa un favore alla mia categoria, allora ancora meglio.

Se qualcuno ha altre razionalizzazioni, io sono ben felice di farle mie.

Certo che vi divertite con la psicanalisi di gruppi sociali di 60 milioni di persone. Non vi sembrano ipotesi un po' azzardate? Il corriere fa leva sulla subconscia identificazione con il "capo" per promuovere la visione di un filmatino? E da questa supposizione (tutta da verificare) si imbastisce una (leggera, ok) invettiva contro un'intera popolazione?