Titolo

Lo specchio del popolo

16 commenti (espandi tutti)

Detto così state dicendo la stessa cosa, che poi è esattamente quello che penso io.

Prima di BS i programmi più di successo delle TV private erano cose come la "Bustarella" e prima delle tv private, quando si andava al cinema, il cinema italiano si è distinto per anni con prodotti come "Giovannona coscialunga" "Cannibal Holocaust" "I carabbinieri".

Secondo me molti si stanno illudendo, sperando che il "popolo" italiano sia così perchè creato dal "dio del male" BS, in realtà è proprio il contrario, è il popolo italiano che consente ad uno come BS di essere Pdc.

Per tutti noi è più bello pensare che senza BS saremmo un popolo migliore, "scarica" la coscienza. In particolare chi perde le elezioni preferisce attribuire al grande Fratello, alla P3, alla Mafia il suo insuccesso elettorale è molto meglio che attribuirlo a se stessi e dare le dimissioni.

PS

Detto per inciso quanto affermato qui non sposta di un millimetro il giudizio etico su BS; sposta quello di noi italiani

 

Non dico che una volta si stava meglio, solo che certe cose non son cambiate o nate recentemente.

PS

Bellissimo link, è l'unico film di PPP che mi sia piaciuto (sarò "gnucco" io, ma gli altri li trovo sopravvalutati: si stima l'opera per l'intenzione, non per il risultato). Questo è veramente geniale (anche se non lo condivido al 100%)

il vangelo di ppp, non era malvagi-ssimo

Anzi, a me parve molto fedele allo spirito del testo evangelico. Lo amai molto.

Detto per inciso quanto affermato qui non sposta di un millimetro il giudizio etico su BS; sposta quello di noi italiani

 Concordo in linea di principio Ma chiedo non per polemica: come mai la TV spazzatura altrove non riduce gli utenti ad amebe tanto che è ragione4vole ipotizzare che non voterebbero i berlusconi della situazione? E una curiosità alla quale non riesco a trovare risposta

Tu parti dal presupposto che chi guarda i programmi spazzatura vota automaticamente per BS e per deduzione che chi guarda programmi "intelligenti" vota automaticamente a sinistra.

Ora gia ci sarebbe da discutere sull'intelligenza di certi programmi "di sinistra", ma soprattutto ci sarebbe da chiedersi in base a quale collegamento, una persona intelligente debba automaticamente votare D'Alema, Bertinotti o Pecoraro Scanio. Lo credono loro e utilizzano questo ragionamento per non dimettersi a fronte dei continui disastri elettorali (non è colpa nostra e colpa del grande fratello).

E' (quasi) autoevidente che uno che vota pecoraro scanio deve esser un po' sotto il normotipo. Si deve considerare che uno che vota Prodi pensa che prodi sia un grande economista, mentre ritiene, chi vota per il Pdc, che Urbani sia un grande intellettuale, Bondi un piu' grande intellettuale, sovrastati dalla mente strategica di Cicchitto.

Tu parti dal presupposto che chi guarda i programmi spazzatura vota automaticamente per BS ......

No e non necessariamente. Di politici pessimi ce ne sono fin troppi e non mi riferivo solo a BS. La prevalenza per BS è però nei fatti rappresentati dal risultato elettorale. Ma ripeto, senza questioni di dx o sx, rilevo che la medesima TV spazzatura in altri paese non mi pare tanto diseducativa da indurre a comportamenti elettorali cattivi come in Italia. A prescindere da BS.

Secondo me perchè il collegamento tv spazzatura= preferenza elettorale non è così diretto come siamo portati a pensare. Inoltre in altri paesi l'affluenza alle urne è decisamente inferiore a quella italiana.

l'unico rapporto diretto che mi sento di poter affermare (anch senza bisogno di dati) tra tv e preferenze di voto è quello tra chi rifiuta la tv in toto - in quanto junkTV - e chi diserta le urne. una vera e propria alienazione dal contesto sociale in senso più ampio

Non capisco. Io rifiuto la TV - non ce l'ho da anni e non mi manca - ma vado sempre a votare. Conosco molti altri che fanno esattamente la stessa cosa. Non pretendo di fare statistica da solo o con i miei amici, ma non vedo necessariamente - a meno di avere dei dati -  correlazione positiva tra no tv -> no voto.

Se è quello che intendevi...

nessuna perfetta corrispondenza in effetti. mi pare che entrambe crescano nella stessa direzione e della stessa intensità però. io per esempio snobbo la la tv e alle prossime elezioni non voterò. sino alla passata tornata elettorale   era vera solo la prima affermazione. comunque la mia è una percezione, potrebbe non esserci alcun nesso causale, se i dati mi smentiscono avrò detto  una boiata ( sono un professionista nel genere :-D ).

Prima di BS i programmi più di successo delle TV private erano cose come la "Bustarella" e prima delle tv private, quando si andava al cinema, il cinema italiano si è distinto per anni con prodotti come "Giovannona coscialunga" "Cannibal Holocaust" "I carabbinieri".

Secondo me molti si stanno illudendo, sperando che il "popolo" italiano sia così perchè creato dal "dio del male" BS, in realtà è proprio il contrario, è il popolo italiano che consente ad uno come BS di essere Pdc.

Sottoscrivo.  Nelle illusioni c'e' poi anche una buona dose di faziosa propaganda politica che serve anche come auto-assoluzione per le passate sconfitte elettorali contro BS.

Prima di BS i programmi più di successo delle TV private erano cose come la "Bustarella" e prima delle tv private, quando si andava al cinema, il cinema italiano si è distinto per anni con prodotti come "Giovannona coscialunga" "Cannibal Holocaust" "I carabbinieri".

Si, ma al tempo si distingueva anche per i vari Antonioni, Fellini, Monicelli, Risi, Bertolucci etc. Ora son rimasti gli eredi dei primi ma non dei secondi. Perché?

Secondo me molti si stanno illudendo, sperando che il "popolo" italiano sia così perchè creato dal "dio del male" BS, in realtà è proprio il contrario, è il popolo italiano che consente ad uno come BS di essere Pdc.

Io non riesco a mettere una freccia unidirezionale di causalità. Secondo me è stato un processo di graduale legittimazione reciproca.

 

Si, ma al tempo si distingueva anche per i vari Antonioni, Fellini, Monicelli, Risi, Bertolucci etc. Ora son rimasti gli eredi dei primi ma non dei secondi. Perché?

Questo è un discorso diverso da quello che sto facendo io: riguarda la crisi del cinema italiano e le sue cause, discorso molto interessante e complesso che non saprei affrontare (anche se ho le mie teorie al riguardo).

Io mi limito ad osservare che i gusti di massa italiani hanno portato ai "capolavori" da me citati mentre per esempio "Il Gattopardo" è stato un flop di botteghino che ha quasi fatto fallire la casa di produzione (salvata secondo Marco Giusti dagli incassi della parodia ad opera di Franco e Ciccio!!), però quando si guarda al passato ci si ricorda del Gattopardo e ci si immagina migliori di come eravamo.

PS Oramai con il mio commento su PPP mi son giocato ogni credibilità, quindi aggiungo: meno male che Antonioni non ha avuto eredi !

Io non riesco a mettere una freccia unidirezionale di causalità. Secondo me è stato un processo di graduale legittimazione reciproca

Forse la freccia non è così unidirezionale esisterà anche una freccia da BS al popolo italiano, ma io la immagino molto più piccola di quella in direzione contraria.