Titolo

Da Da Da

2 commenti (espandi tutti)

Il problema che tutti sappiamo sta nella difficoltà di calcolare la produttività nel pubblico impiego. Chi è più produttivo? Chi compie più atti a settimana o chi ne compie di meno ma riceve meno condanne e meno ricorsi contro di esse? Bisogna mettere un punteggio all'atto non impugnato ed un altro a quello soccombente? Non sarebbero arbitrari tali punteggi?

Big news, ogni classifica in quanto tale è arbitraria perché discende dalle preferenze di chi la ha definita (per esempio non è arbitrario che nei 110 ostacoli non ci sia penalità se si abbatte l'ostacolo? non è arbitrario che l'altezza dell'ostacolo sia di 1.067m?)

Più seriamente una risposta alla tua domanda sta qua http://www.ilsole24ore.com/art/norme-e-tributi/2010-07-03/primo-grado-promuove-torino-080824.shtml?uuid=AY3wua4B

Una causa che finisce presto non viene impugnata, quella che invece finisce dopo tanti anni viene appellata, soprattutto perché lascia delusi

Forse può sembrarti semplicistico ma se gli incentivi sono progettati ed amministrati adeguatamente non è necessario pensare a indici troppo complessi.

Infatti in Agosto è un disastro, tra agenzie viaggi che non fanno biglietti perchè quello dei biglietti è in ferie, macellerie che vendon solo pollo perchè manca quello che spolpa i manzi, ecc.

Le agenzie viaggi fatturano ad Agosto la metà di quello che fatturano durante tutto l'anno. Dal macellaio non credo ci sia lo stesso grado di divisione del lavoro di un ufficio comunale, ecc...

 

Big news, ogni classifica in quanto tale è arbitraria perché discende dalle preferenze di chi la ha definita (per esempio non è arbitrario che nei 110 ostacoli non ci sia penalità se si abbatte l'ostacolo? non è arbitrario che l'altezza dell'ostacolo sia di 1.067m?)

 

Bene allora iniziamo a stilare quante più classifiche arbitrarie tra atti impugnati e non e mettiamo ad ognuno di essi un punteggio che incida sullo stipendio.

Mi sembra lo stesso discorso dei marxisti alla domanda "come si calcolano i salari in un'economia socialista, tra chi fa un lavoro come l'ingegnere che presuppone anni di studio e lavoro e quello di lavascale?" Le risposte sono due: salari uguali oppure "coefficienti politici". Contento Marx contenti tutti.