Titolo

Le 7 proposte del PD

2 commenti (espandi tutti)

Punto 4. ...liberalizzazione dell'accesso alle professioni

Posso chiedere cosa si intende, in pratica, con questo?

A Vostro parere, inoltre, non è una limitazione all'accesso alla professione anche l'eccessiva durata dei corsi di studio universitari (es. ingegneria  oltre 8 anni, fonte Almalaurea)?

A Vostro parere, inoltre, non è una limitazione all'accesso alla professione anche l'eccessiva durata dei corsi di studio universitari (es. ingegneria  oltre 8 anni, fonte Almalaurea)?

Direi proprio di si. L'OECD include, tra i parametri presi in considerazione per la costruzione del suo indice Professional Services Regulation Index (che è parte di un programma più ampio di monitoraggio delle limitazioni poste per via regolamentativa al commercio di beni e servizi, QUI i dettagli), la durata media degli studi obbligatori per accedere alle professioni di avvocato, contabile, architetto e ingegnere. L'OECD considera anche tante altre cose, ad esempio: durata del tirocinio obbligatorio, esami d'ammissione, regolamenti e codici deontologici, accessibilità delle professioni da parte di imprese e professionisti di altri paesi, e limitazioni poste alle forme consentite per praticare la profesisone (es. individualmente, come studi associati, come società di capitali).

Per la cronaca, più è elevato il valore dell'indice OECD, maggiore è il grado di limitazioni all'accesso delle professioni: l'Italia nel 2008 produce un punteggio di 3.2, contro una media calcolata sugli altri 29 paesi monitorati di 2.0. Peggio di noi c'è solo Lussemburgo (3.5) e Turchia (3.4).