Titolo

Il debito greco ed il rischio sistemico

1 commento (espandi tutti)

Mi sembra piuttosto chiaro che di salvataggio in salvataggio si finisce alla BCE, che stampa i soldi, con la conseguente monetizzazione del debito. Tuttavia qualcuno potrebbe anche decidere di fermarsi prima: la Germania.

Ora il problema è il seguente: perché fidarsi della Grecia quando ha già imbrogliato sui conti ? I paesi "periferici" che temono il contagio vogliono il salvataggio perchè ragionano a breve termine e questo rafforza la posizione negoziale della Grecia (Sansone vs. Filistei ?). La Germania, giustamente tergiversa, memore dell'astuzia dei greci vuole dei covenants sui prestiti. Quindi in teoria dovrebbe concedere solo finanziamenti a 1, max 2 anni, che, grazie alla loro "seniority" rispetto al debito privato, potrebbero essere integralmente restituiti in caso di default. Un impegno a scadenza più lunga e per un importo maggiore, sostituendo il debito privato con quello statale, metterebbe i nuovi creditori nelle mani del debitore. E se la Germania regalasse veramente dei soldi alla Grecia, gli elettori non perdoneranno l'ingenuità del governante di turno (oltre a trovare il modo per uscire unilateralmente dall'euro).

Anche nel caso di ristrutturazione rimane comunque il problema del "moral hazard" greco. Infatti la Grecia lasciata a se stessa può solo fare default. A quel punto nessuno gli presterà più un euro e dovrà portare il bilancio in pareggio o in leggero attivo se vuole garantire qualcosa ai vecchi creditori. Per non trovarsi alla canna del gas avrebbe bisogno di una ristrutturazione "ordinata" che potrebbe portare a termine solo con l'aiuto del resto d'Europa. In questo caso l'onere maggiore ricadrebbe sui bondholder, che, casualmente, sono soprattutto francesi (ecco perché anche loro spingono per il salvataggio...) e tedeschi (ma forse frau Merkel si é rotta di togliere le castagne dal fuoco alle sue banche). L'unico modo per alleviarlo è negoziare gli aiuti solo a condizione di un recovery rate piuttosto elevato (80% o giù di lì). Spagna, Italia & co. naturalmente temono la ristrutturazione perchè costituirebbe un "precedente" visto nella loro prospettiva e qualcuno potrebbe pensare di smettere di comprare i loro titoli. Nel medio periodo però potrebbe essere una "soluzione" anche per loro. Amen