Titolo

Il debito greco ed il rischio sistemico

2 commenti (espandi tutti)

Sí va bene, altri titoli azionari e obbligazionari, ma quali? L'insicurezza sembra planetaria. Dietro i futures sia su materie prime che su valute c'è un contratto con una controparte, tipo Lehman, che dovrà onorarlo alla scadenza. Lo farà? Se no il future non vale la carta su cui è scritto o gli elettroni se dematerializzato. In cosa investiranno i fondi monetari? Commercial paper? Depositi interbancari? Anchè lí c'è un conterparty risk...

Accumulare scatolette di tonno o di fagioli, vale a dire andare sul "fisico" nelle commodity, a parte i problemi di stoccaggio e deterioramento, comporta un problema di quantità: ci sono nel mondo abbastanza scatolette di tonno e fagioli per reinvestire un importo comparabile a quello del debito greco, per non parlare di quello di tanti altri paesi squilibrati. A maggior ragione se pensiamo a conchiglie rare, opere tardo futuriste coreane, purosangue uzbeki etc. Sono beni che hanno un valore intrinseco difficilmente calcolabile, mercati illiquidi e poco trasparenti e vengono scambiati ad un prezzo d'affezione, estremamente volatile. Ha senso investire un fondo pensione in opere tardo futuriste coreane? E se la corrente artistica passa di moda?

I titoli greci rendono il 7-8%; il rendimento è alto, e lo è anche il rischio. Per avere un rapporto rischio/rendimento piu' alto occorre o un rendimento più alto o un rischio più basso. E non c'è molto in giro...

Ci sono due domande che poni: 1) cosa potrebbero comprare quelli che vendono titoli greci e 2) quali investimenti sarebbero migliori, cioe' con un rapporto rendimento/rischio piu' alto.

Alla prima ho risposto nel commento precedente senza la pretesa di dare consigli per gli investimenti, ma solo limitandomi ad elencare le tante alternative possibili (non necessariamente quelle universalmente considerate migliori); alla seconda che formuli in questo nuovo commento la risposta e' molto piu' complessa e sicuramente non univoca perche' dipende da come si stima il rischio e da come si calcolano i rendimenti attesi. Insomma i consigli per gli investimenti dipendono da valutazioni soggettive o da modelli di previsione.

Personalmente i titoli greci li lascerei a qualcuno piu' bravo di me a calcolare i rischi. E non investirei nemmeno in conchiglie o opere d'arte futuriste. Se fossi molto avverso al rischio investirei in titoli di stato del Qatar o del Kuwait. Finisco con una precisazione: molti futures sono scambiati su mercati organizzati quindi i rischi di controparte sono minimi.