Titolo

Il debito greco ed il rischio sistemico

5 commenti (espandi tutti)

Alberto, tu parli delle cose di Krugman sulle 'bande obiettivo" (target zones) nelle gestione dei cambi, suppongo.

Se è questo che la gente ha in mente beh, dovrebbero rendersi conto che l'analogia (ammesso e non concesso che quei modelli fossero sensati nel caso dei tassi di cambio fra valute) è completamente spuria. Nel caso della valuta, una volta che hai finito le riserve di valuta estera le hai finite, quindi bastano degli speculatori con deep enough pockets, non serve che ci sia unanimità. Nel caso del debito occorre unanimità: se qualcuno devia e ti presta i soldi, la speculazione è fallita.

Credo che il problema sia solo nella possibilità che si giochi allo scoperto "contro" il debito greco, da questo punto di vista non c'è bisogno di avere "deep pockets", e la leva finaziaria è ancora molto possibile.

Non ho dati, nè li cerco, ma in ambito bancario ho sentito dire (e voi che avete orecchie migliori delle mie dovreste averlo inteso) che il problema è solo di "facciata", i primi che scommettono contro la Grecia sono proprio quelli che ne detengono il debito (e ci stanno guadagnando alla grande..), poi stanno al tavolo a vedere se il loro bluff riesce: ovvero se qualcuno paga di più quello che loro già sanno valere di meno. Ovvero se qualcuno paga per Costas...

E agitare il rischio sistemico, con la paura di una nuova ulteriore recessione, aiuta molto, anzi moltissimo..

Infine, come al solito, la mancata trasparenza puzza lontano un miglio (cosa già evidenziata in un vecchio post di Alberto Bisin sulla crisi finanziaria, quando chiedeva di "aprire i forzieri"): le banche tedesche detengono X titoli greci ? Bene, diteci quanto è X, quanto di questo X è patrimonio (i titoli inferiori ai 18 mesi non vanno a patrimonio, e il debito greco è a breve..) e vediamo di quanto stiamo parlando, e sarebbe molto più semplice di vedere i CDS all'epoca della crisi..., invece niente: solo panico da rischio sistemico ! Forse sarebbero solo in difficoltà i ricchi utili delle banche nel 2009 e i ricchi bonus collegati, altro che rischio sistemico.

"Infine, come al solito, la mancata trasparenza puzza lontano un miglio (cosa già evidenziata in un vecchio post di Alberto Bisin sulla crisi finanziaria, quando chiedeva di "aprire i forzieri"): le banche tedesche detengono X titoli greci ? Bene, diteci quanto è X, quanto di questo X è patrimonio (i titoli inferiori ai 18 mesi non vanno a patrimonio, e il debito greco è a breve..) e vediamo di quanto stiamo parlando, e sarebbe molto più semplice di vedere i CDS all'epoca della crisi...,"

Io queste cose alle banche tedesche non le posso chiedere, e neanche Alberto Bisin, ma la Bundesbank puó farlo, e credo anche la sig.ra Merkel.

Io queste cose alle banche tedesche non le posso chiedere, e neanche Alberto Bisin, ma la Bundesbank puó farlo, e credo anche la sig.ra Merkel.

Mah, ai tempi della crisi le banche dicevano :"non so quanti buchi ho, ma mandami i soldi che poi ci penso".

E comunque il fatto che la Merkele per prima sia dubbiosa mi fa pensare che tutto sommato non stanno in maniera tale da rimetterci le penne. Chi grida al rischio sistemico, e preme perchè i tedeschi ci mettano i soldi, sono gli altri, gli italiani in primis..

 

i primi che scommettono contro la Grecia sono proprio quelli che ne detengono il debito (e ci stanno guadagnando alla grande..), poi stanno al tavolo a vedere se il loro bluff riesce: ovvero se qualcuno paga di più quello che loro già sanno valere di meno. Ovvero se qualcuno paga per Costas...

 

Non so se capisco bene il tuo pensiero, ma un investitore che prendesse due posizioni esattamente opposte su un titolo non potrebbe guadagnare niente, anzi perderebbe di sicuro in termini di costi di transazione. Quindi per sperare di guadagnare una banca o chicchessia dovrebbe avere una posizione netta in un senso o nell'altro.

Se qualcuno paga per Costas vince chi e' "lungo obbligazioni del governo greco" (cioe' ha una posizione netta in cui prevale l'acquisto di titoli greci o l'equivalente in CDS), se la Grecia non riesce a far fronte agli impegni vince chi e' "corto obbligazioni del governo greco". Nessuno puo' vincere in entrambi i casi (sarebbe un arbitraggio senza rischio, che e' impossibile).

E' vero che si possono fare operazioni allo scoperto, aumentando la leva, ma in questo modo si aumentano esponenzialmente i rischi.