Titolo

L'influenza H1N1 del 2009

1 commento (espandi tutti)

Come dicevo sopra, il principio della vaccinazione e' quello di presentare all'organismo un agente infettivo innocuo: il razionale e' che si da' all'organismo la possibilita' di creare anticorpi ma allo stesso tempo non si sviluppa la malattia.

Per ottenere un agente infettivo innocuo ci sono in linea di principio tre vie: rendere il virus inattivo, rendere il virus attenuato, manipolare geneticamente il virus (vaccini transgenici). Per le vaccinazioni anti-influenzali si usano i primi due sistemi. Per sapere in cosa consistono, ti rimando qui e ti risparmio i dettagli su come sono fatti. In sostanza: un vaccino inattivato e' un virus che non ha la possibilita' di replicarsi. Per questo il sistema immunitario viene a contatto solo e soltanto col virus iniettato e la produzione di anticorpi e' piu' lenta. Un vaccino attenuato invece e' un virus che si replica ma molto lentamente: in questo modo il sistema immunitario viene a contatto con piu' agenti virali e la produzione di anticorpi sara' piu' rapida. Non si puo' pero' somminstrare a soggetti "deboli" perche' il virus, benche' attenuato, potrebbe comunque prendere il sopravvento.

In italia il vaccino inattivato crea scetticismo non tanto per via del fatto che sia inattivato (ci mancherebbe: e' la forma piu' sicuro) ma sul fatto che contenga coadiuvanti. Su quanto sia fondato questo scetticismo ti rimando ai commenti a capo thread sullo squalene, GBS etc.