Titolo

Io sto con la Binetti (per motivi diversi)

1 commento (espandi tutti)

Rimango dell'idea che quella cosa che Lei insiste a chiamar intelligenza, a farla "lunga" abbia molto, ma MOLTO meno di milioni di anni....

Inutile farla così lunga ... e sfidare l'intelligenza dei lettori. O la noia.
Da nessuna parte ho definito l'intelligenza e tanto meno ho insistito a farlo.
Quello che i lettori hanno capito su cosa io chiamo intelligenza quindi al massimo denota le loro capacità introspettive o la loro fantasia.

In ogni caso parliamo di un carattere, l'intelligenza, che si è evoluto gradualmente e che è presente anche nei nostri cugini (come sostiene la teoria dell'evoluzione) e non è quindi una cosa nata improvvisamente 200'000 o 170'000 anni fa. Nella sua gradualità troviamo anche specializzazioni tra gli emisferi anche nei primati a noi piu' vicini ed anche specializzazioni di genere nelle abilità. Tra le abilità quella intellettiva è una in cui brilliamo in modo particllare e quindi è sicuramente piu' antica delle eventuali differenziazioni etniche, che qualcuno qui ha introdotto ricordando le discussioni sull'IQ di bianchi e neri. Sono intelligenti e dotati di linguaggio anche altre specie viventi, anche se la nostra ha sicuramente sviluppato entrambi le doti in modo mirabile.

A vedere lo stato dell'Italia dire pero' che qualche problemino esiste.

Forse, per dirla con Carlo Cipolla, oltre all'intelligenza abbiamo anche sviluppato troppo altre cose.
Lui propose la stupidità come ramo di indagine e non aveva tutti i torti.
Strano che si insista nel calcolare l'IQ quando un indice di stupidità sarebbe molto piu' utile per l'umanità.

Francesco