Titolo

Io sto con la Binetti (per motivi diversi)

1 commento (espandi tutti)

Scusami, ma l'hai servito tu su un piatto d'argento l'esempio. Non ho potuto fare a meno di notarlo.

Non devi scusarti, per carità.

Anche perché io non sono ebreo, omosessuale, negro, basso, alto, zingaro, handicappato o milanista.
Ovvero, ... due o tre di queste cose mi caratterizzano ma non vi dico quali.

Tuttavia nei commenti che io ho letto (e tu forse no) sull'episodio in questione (e che non posso assolutamente verificare come veri o falsi) la strada del pestaggio  viene citata come "freqentata abitualmente da transessuali" e questo era associato con la spedizione punitiva degli ubriachi di turno. Che appunto per questo se la prendevano con tutti quelli di passaggio.

Un po' come andare al parco ravizza a milano a menare trans (almeno 20 o 30  anni fa questo era il ritrovo, non so ora e non mi interessa particolarmente saperlo).

Come dicevo, questo è il contesto narrato.

Poi che sia vero o falso è da vedere.
E il lavoro di un giudice, non mio o tuo.

Poi se fosse vero per me è giusta l'applicazione di un'aggravante.
Se fosse falso allora no.

Ma l'aggravante deve essere prevista per i casi in cui è applicabile.

Francesco