Titolo

Federalismo vs. Indipendenza

1 commento (espandi tutti)

Lo schema di funzionamento dello Stato italiano e' questo: a Nord e in parte al Centro opprime il cittadino medio tassandolo eccessivamente e fornendo in cambio servizi statali che l'Economist definisce correttamente "miserabili", con il ricavato delle tasse iper-paga una Casta statale  improduttiva a Roma, paga l'assistenzialismo al Sud e i notabili meridionali che lo ammnistrano in modo clientelare per comperare i voti, infine paga i grandi industriali assistiti a Nord che poi fanno propaganda e disinformazione con Corriere della Sera, Stampa, Sole 24 Ore e Repubblica.

 Purtroppo, da meridionale, concordo.

A ben vedere il cittadino medio meridionale e' oppresso anche piu' dei settentrionali, vive tra l'abusivismo edilizio e in mezzo alll'immondizia non raccolta e con l'acqua potabile razionata, senza decenti prospettive di occupazione stabile perche' grazie ai contratti nazionali la grande impresa meridionale non pesantemente assistita e' fuori mercato.  Il problema del cittadino medio meridionale e' che avendo vicino a lui esempi di elites parassitarie e improduttive che vivono di sinecure statali o di gestione clientelare del consenso, tende ad assumere il loro comportamento come modello e traguardo di vita, per cui non e' facile associarlo alla sacrosanta protesta settentrionale.

Non solo, ma la cosa tanto tragica quanto ovvia è che come conseguenza di questa situazione il Meridione perde, per emigrazione "volontaria", la gran parte della "meglio gioventù" che tende a spostarsi al Nord o all'estero. Con risultati che sono facilmente intuibili sulla qualità delle elites locali.