Titolo

Contro-Contrordine: è davvero un odioso monopolio.

5 commenti (espandi tutti)

Michele attenzione, non credere alle imprecisioni del Corriere. Il Baldassarre in questione é stato giudice della corte costituzionale dal 1986 al 1995 e, come é prassi, nel semestre finale nominato presidente. Non é mai stato giudice di cassazione, nè tantomeno presidente. Il suo curriculum si trova qui http://it.wikipedia.org/wiki/Antonio_Baldassarre


Se poi il corriere si é sentito in dovere di aggiungerne una di castroneria, dopo quelle raccolte intervistando l'illustre ex-giudice, é spiegazione possibile ma un po' troppo elaborata per attribuirla ad un callido giornalista. Di passaggio, il fatto che sia stato giudidice costituzionale e non di cassazione fa rabbrividire ancora di più.

Precisazione correttissima. Infatti, qualcosa mi suonava storto con la Cassazione e pensavo ad un caso di omonimia. Tremendi questi giornalisti, davvero tremendi.

Condivido: uno con quell'etica professionale che faceva il giudice costituzionale ...

Ma che cattivi. L'uomo da pareri pro parte e poi dice il contrario (pro veritate), ma almeno non ha conflitto d'interesse.  .... Si' certo, dalla biografia wikipedia si scopre che dal 1999 e' presidente della Sisal (non gestisce il vecchio totocalcio la Sisal?). Ma sara' Wikipedia che sbaglia. Si sara' certamente dimissionato dalla Sisal prima di dare il parere pro parte a S. Marino.

Infatti, l'attuale presidente della Sisal e un'altro: Tommaso di Tanno. Quando abbia dato le dimissioni Baldassarre, non so. Ma non aveva nessun conflitto di interessi quando ha mentito ... scusate ha dato il suo parere pro parte. La Sisal ha inventato la famosa "schedina Sisal" poi diventata ancora piu famosa sotto il nome di Totocalcio.

Recent stuff on bets.


dare un'occhiata alla notizie del sole qui di ieri http://www.ilsole24ore.com/news/FM_9001909656.shtm


dalla quale apprendiamo che quei cattivacci di Lottomatica e Sisal vennero nel lontano 2004 sanzionate per essersi spartite il mercato delle scommesse. Il consiglio di stato ha accolto il loro ricorso e applicando la regola del 2 per 1, ha dimezzato le sanzioni. I lettori di NFA, molto curiosi e parecchio masochisti, possono sconfiggere la loro insonnia leggendosi l'istruttivo  resoconto delle epiche gesta di Lottomatica e Sisal riportato qui http://www.agcm.it/AGCM_ITA/DSAP/DSAP_287.NSF/218c8abc30b4e077c1256a470060e61b/06e787676dd0aed2c1256f630039e9fe?OpenDocument.