Titolo

Perché non se ne deve parlare. La parabola di Italo e Germano

3 commenti (espandi tutti)

L'articolo è sicuramente convincente, ma non capisco il titolo "Perché non se ne deve parlare" e l’affermazione perentoria "è dannoso anche solo parlare di possibile uscita dall'euro". Non se ne deva parlare CON CHI?
Cioè: se la morale è che l'idraulico non debba parlare dei suoi stravaganti progetti di vita alternativi CON I CLIENTI (o potenziali tali) sono perfettamente d'accordo.
Ma se si vuol dire che non ne debba parlare IN ASSOLUTO è un altro paio di maniche.
Voglio dire: supponiamo che Italo negli ultimi anni abbia dopo aver letto "Chi ha spostato il mio formaggio?" di Spencer Johnson abbia constatato che gli affari non gli vanno più molto bene, che ha molti insoluti, che la marginalità nel suo settore è sempre più bassa, che il suo bilancio è sempre più deludente, che l'edilizia è in crisi e quindi ci sono poche grosse commesse nei cantieri, che si stanno diffondendo sempre più i bagni prefabbricati tipo quelli della Sanika, ecc.
In queste circostanze sarebbe davvero così irrazionale per Italo lui INIZIARE A GUARDARSI INTORNO e pensare a progetti di vita alternativi o ad altri possibili sbocchi professionali? Sarebbe stupido a parlarne in maniera riservata per informarsi con il suo compagno delle superiori che ha aperto un chiringuito ai caraibi e che a quanto pare gli sta andando bene? Sarebbe assurdo iniziare a parlare con il suo commercialista o con quell'amico che lavora in un'agenzia di collocamento per vedere se può avere qualche consiglio su un ipotetico PIANO B, just in case?
Del resto è quello che fanno gli stati maggiori di tutti gli eserciti per preparare piani strategici. In maniera riservata, è ovvio: di certo non parli del piano strategico di guerra contro il paese X alla conferenza stampa congiunta dei due capi di stato. Però il piano strategico è meglio averlo e tenerlo aggiornato, perché non si sa mai.
Ora, fuori metafora: di certo esponenti del governo devono tenere a freno la lingua per non spaventare gli investitori internazionali. PERÒ ci sono molti altri canali (uffici studi, interviste anonime per sondare le reazioni, articoli su riviste specialistiche con il disclaimer che si tratta di opinioni a titolo personale che non rispecchiano la posizione dell'istituzione, convegni di fondazioni più o meno collegate a questo o quello, ecc.) per parlare di un possibile scenario di questo tipo senza compromettersi come emittente sovrano, anche solo per iniziare a studiare l'opzione e le possibili implicazioni. Anche perché c'è una possibilità (per quanto piccola) che un evento avverso ci faccia collassare il tutto non per nostra volontà, e in quel caso aver studiato prima qualche scenario magari sarà meglio piuttosto che farsi cogliere del tutto impreparati dagli eventi.

: supponiamo che Italo negli ultimi anni abbia dopo aver letto "Chi ha spostato il mio formaggio?" di Spencer Johnson abbia constatato che gli affari non gli vanno più molto bene, che ha molti insoluti, che la marginalità nel suo settore è sempre più bassa, che il suo bilancio è sempre più deludente, che l'edilizia è in crisi e quindi ci sono poche grosse commesse nei cantieri, che si stanno diffondendo sempre più i bagni prefabbricati tipo quelli della Sanika, ecc.
In queste circostanze sarebbe davvero così irrazionale per Italo lui INIZIARE A GUARDARSI INTORNO e pensare a progetti di vita alternativi o ad altri possibili sbocchi professionali?

ma mica di questo si parla. se il nostro idraulico cambiasse vita per motivi così poetici magari si risente solo la moglie; tu indichi come causa crediti insoluti (che l'Italia non ha) ma se chiude, chiude per non pagare quegli enormi debiti che ci sono sicuramente anche se tu li tralasci.  e che sono il vero motivo.

quando scapperà in costarica sarà  solo per non pagare, perchè ha già un patrimonio negativo E ANCHE perchè non guadagna più. se si esce dall'euro, è per fare subito default (in vari e fantasiosi  modi), altrimenti perchè uscire? non nascondiamoci dietro un dito. e non diamo adito a sospetti catastrofici.

Certo che se ne può parlare. Infatti qui se ne parla. Si applicano le stesse considerazioni che faresti nel caso di un discorso privato che può essere udito da chiunque, senza possibilità di tapparsi le orecchie. Tu cosa fai in questo caso ?