Titolo

I sette peccati capitali della scuola italiana. Con accenno a possibili rimedi

1 commento (espandi tutti)

non ho capito se non ti fidi del self-reported degli italiani o dei tedeschi. Se le survey lasciano il tempo che trovano, allora che facciamo? ci basiamo sull'esperienza personale o degli "amici  e conoscenti, che nella scuola ci lavorano"?  Comunque l'OCSE pubblica anche gli Statutory teaching hours, che mostrano anch'essi come gli insegnanti italiani fanno meno ore di lezione di altri, come ad esempio i tedeschi (100 ore in meno all'anno) e degli svizzeri (400 ore in meno all'anno), ma anche dei francesi, degli inglesi, degli statunitensi etc.

Ovviamente le ore di preparazione sono proporzionali alle ore di insegnamento, e la survey aveva l'obiettivo di calcolare quanto tempo era dedicato all'insegnamento e quanto ad altre attività (ad esempio, preparazione, welfare e amministrativo). Non sono solo gli insegnanti italiani a preparare le lezioni e a correggere i compiti. Giusto?

Trattamento economico. Come detto, la paga oraria è competitiva, di più ancora se si tiene conto del trattamento pensionistico. Pago poco/lavoro poco vs Pago molto/lavoro molto, non so quale sia meglio/peggio nell'attrarre le persone giuste con le motivazioni giuste. Nel primo caso forse più donne e sportivi, nel secondo più uomini e con pochi impegni extralavorativi. In ogni caso, l'Italia ha indiscutibilmente una spesa pubblica elevata, anche per l'incidenza della spesa previdenziale. Quello che non arrivava con la busta paga, arrivava con la pensione.