Titolo

I sette peccati capitali della scuola italiana. Con accenno a possibili rimedi

2 commenti (espandi tutti)

quelle di Francesco Rocchi.

1) contributo prezioso sull'alternanza scuola/lavoro, di cui sapevo poco; concordo sulla critica alle innovazioni calate dall'alto

4) anch'io a favore di innovazioni dal basso, volontarie e sperimentali, flipped classroom inclusa; governo, ministero e regioni dovrebbero facilitarle in modo efficace (come farlo è un problema strutturale, complesso e delicato) piuttosto che imporle

5) anch'io contrario alla bocciatura; favorevole invece a "ripetere" la singola materia in cui uno ha lacune gravi, cambiando l'organizzazione didattica per cui lo scolaro possa ripetere, diciamo, un semestre di una singola materia, in casi estremi anche più volte, finché non colma le sue lacune in quella materia; anche per questo il livello delle competenze minime obbligatorie dovrebbe essere abbastanza basso, in modo che tutti prima o poi ci arrivino; con spazi facoltativi abbastanza ampi per chi vuole imparare di più.

continuo con l'autopromozione, sull'ASL:  http://www.leparoleelecose.it/?p=29502