Titolo

Dialogo sull'immigrazione. Parte 1.

1 commento (espandi tutti)

‎l’immigrazione è neutrale nel lungo periodo e solo nel breve periodo ci sono vincenti e perdenti tra i nativi. Se consideriamo anche il benessere degl immigrati, nel lungo periodo restano solo vincenti, loro, e nessun perdente.

 

Questo argomento potrebbe essere usato dalle destre becere e da chi si oppone al multiculturalismo per sostenere le proprie posizioni: siccome per i nativi l'immigrazione non apporta alcun vantaggio lasciando i problemi sociali di una mancata o scarsa integrazione, la si fermi. Andrebbe fatta chiarezza su questo punto perché il messaggio rischia di essere ambiguo, dal momento che su NfA sono state più volte sottolineati i vantaggi della mobilità sociale e geografica, non solo per gli immigrati e non solo per il caso specifico dell'Italia, paese con problemi di conti pubblici e bassa natalità.

 

EDIT: sostituito "i nativi"con "gli immigrati"