Titolo

Letture per il fine settimana, 21-07-2017

1 commento (espandi tutti)

mi permetto di dissentire da quanto scritto nell'articolo linkato. E' vero che il "teletrasporto quantisico" è il trasferimento di informazione quantistica da una parte ad un'altra. Ma è sbagliato dire che la "Quantum teleportation non permette di teletrasportare oggetti". Le particelle di cui siamo composti (elettroni, neutroni e protoni) sono tutte identiche: un bicchiere e un gatto sono diversi non (solo) perchè hanno un numero di particelle diverse, ma perchè queste particelle di trovano in uno "stato quantistico" diverso. A differenza dell'informazione classica (quella scritta su un pezzo di carta o su un Hard-Disk), questa "informazione quantistica" contenuta nelle particelle di cui siamo fatti non si può copiare (e dunque non esiste, di principio, il fax o la fotocopiatrice quantistica) nè conoscere senza alterarne il suo valore. Quindi per teletrasportare un bicchiere, l'unica cosa che è fisicamente possible fare è teletrasportare il suo "stato quanstico". Immaginiamo di avere un bicchiere sulla Terra formato da 1000 atomi (sto semplificando, sono molti di più): se realizzo il teletrasporto quantistico di questi 1000 atomi sulla luna (devo avere a disposizione sulla Luna questi 1000 atomi), gli atomi sulla Luna prenderanno la forma del bicchiere e non ci sarà alcun esperimento in grado di distinguerlo dal bicchiere originario. Inoltre il bicchiere sulla terrà "sparirà" (nel senso che non spariranno i 1000 atomi sulla terrà ma il modo come stanno insieme cambierà totalmente).

 

PS la meccanica quantistica prevede non vi sia un limite fisico alla distanza di teletrasporto, e questa previsione (da verificare) è un'affasciante sfida scientifica e tecnologica