Titolo

Riflessioni sulla moneta fiscale

1 commento (espandi tutti)

il denaro ce l'hanno in mano i compratori, i venditori hanno carta CCF. da nessuna parte sta scritto che il valore dei CCF debba rimanere "accettabile". denaro e lettera possono incontrarsi a livelli qualsiasi,  se tutti i compratori hanno in mano solo un euro, duecento miliardi di CCF valgono 1 euro. il market maker è un intermediario che dovrebbe esporre sempre un prezzo e garantire una volatilità contenuta  ma non certo un livello alto o basso. comunque, chiosare scemenze come i CCF non fa bene a nessuno.

però, che fine ha fatto Giovanni Zibordi, uno dei primi promotori dei CCF e ora non più citato da nessuno dei sui sodali? colpito da una purga staliniana, da una damnatio memoriae? senza polemica, se il suo distacco ha origini dottrinali di interesse generale, ce le potrebbe spiegare qui.