Titolo

Non solo (e non tanto) "ius soli"

5 commenti (espandi tutti)

Proiezioni d'incubi personali sulle menti altrui?

Ah, btw, il "voi" che continui ad usare a quale gruppo di persone si riferirebbe?

P.S. Fobie pesanti, apparentemente. Il "signore" in questione si è premurato di venirci a trovare su FB. Questo ci permette un breve sguardo su una mente che soffre: la combinazione di frustrazioni sessuali, razziali ed economico-culturali è tipica dell'immondizia umana che rappresenta. 

https://www.facebook.com/profile.php?id=100010677633328

Non stupirà nessuno, ovviamente, che nel palesarsi questo poveretto ci abbia accusato di essere tipici esempi di "sinistra al caviale" ... fa il paio con il guevarista autoproclamatosi difensore del popolo sannita (!) che il giorno prima aveva cercato d'offendere nella stessa maniera qualificandomi "servo della borghesia che pasteggia a champagne" :-D

Stanno proprio male. 

Credo che gli incubi saranno i vostri, visto che sostenete questa politica. Capisco la sua ironia ma tanto per chiarire le cose posso dirle che io non sono nemmeno nato in Italia, bensì in Brasile da genitori italiani colà emigrati, ed ho perso la cittadinanza brasiliana quando, tornato in Italia, ho fatto il servizio militare. E visto che sono sceso da una nave per toccare per la prima volta il suolo patrio (anche se devo ammettere la mia colpa, ero fornito di un regolare passaporto!), ho forse anche io un po’ di esperienza in tema di emigrazione e vita in società multietniche… Al di là della facile ironia vedo però che non ha colto il senso del mio intervento: posto che la cittadinanza la si vuol regalare, è anche possibile che ci siano gruppi che il regalo lo rifiuteranno. Tanto per esemplificare all’osso può consultare quanto indica il Consolato Cinese in materia: “””La RPC non ammette doppia cittadinanza””” (a questo link: http://milano.china-consulate.org/ita/hzzj/t101894.htm). E’ proprio sicuro che sia tutto così semplice? Peraltro la legge attualmente in vigore non preclude a nessuno di acquisire la cittadinanza italiana, a meno che non sia ritenuto offensivo il fatto che questa oggi deve essere richiesta. E mi permetta la polemica, se uno la richiede vuol dire che forse si sente anche (almeno un poco) italiano. Avrà pure un valore questo sentimento, non le pare?

Ho letto e riletto la proposta di legge diverse volte, e non ho notato alcun automatismo.

Secondo me è sbagliato, ci dovrebbe essere automatismo in diversi scenari, ma la proposta attualmente in discussione non lo prevede.

Qui il disegno di legge come in discussione al Senato dopo l'approvazione della Camera:

http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/17/DDLPRES/940816/index.html

Lei non si rende nemmeno conto di scrivere cazzate dettate dalle sue personali ossessioni.
Per quanto riguarda poi la storiella del Brasile: forse sì, forse no, forse pura invenzione. Irrilevante, in ogni caso.

Un'aggiunta: la sua ironia più o meno fascistoide non la gradisco. Ragione per cui o si attiene alla sostanza o la banno di nuovo, anche se ora si è (forse) messo un nome e cognome. 

Egregio Professore,

è patetico il suo tentativo di spacciarsi per liberale. Non sono nel suo cervello ma i fatti provano il suo appoggio alla “sinistra al caviale” cioè a quella sinistra che intende vivere bene sfruttando chi ha lavorato e contando sempre su qualche confisca dei risparmi e delle proprietà accumulati con il lavoro di qualche povero fesso.

Ecco la prova che i suoi sodali intendono confiscare le case degli italiani come peraltro già fatto in Germania.

https://scenarieconomici.it/airbnb-immigrati/

I fatti fatti sono (come dice un certo professor Boldrin)

Buona lettura