Titolo

Il grafico della settimana, 17-05-17

4 commenti (espandi tutti)

Grazie, molto interessante. Non è chiarissimo (almeno per me) il grafico, ditemi se interpreto bene: nell'asse orizzontale ho il percentile di reddito, ma l'asse verticale cosa misura? Io ho interpretato che misura:

(salario_pubblico_medio - salario_privato_medio) / salario_medio

Per il relativo percentile di reddito. E' giusto? Ma se è così, come è possibile avere differenze di reddito dentro il singolo percentile? Nel (tiro a caso) 50esimo percentile ci saranno quelli che guadagnano 1500€ al mese, indipendentemente dal datore di lavoro.

L'asse verticale indica il gap di paga in favore dei dipendenti pubblici. Nel primo quintile di reddito si oscilla grosso modo fra il 6 e l'11% per gli uomini, e fra il 13 e il 17% per le donne.

Poi man mano che ci si sposta verso la parte destra della distribuzione la differenza si riduce, tanto che per i salari più elevati negli uomini diventa quasi zero.

La mia impressione è che gli stipendi medi dei dipendenti privati nella parte sinistra della distribuzione siano abbassati da una pecentuale più alta di part-time e contratti precari. E' possibile?

Non credo, nel working paper hanno usato i salari orari proprio per evitare distorsioni di questo tipo.

D'altra parte anche per i full time la settimana lavorativa standard è di 35 ore per il pubblico contro 39 per il privato, quindi usare i valori mensili o annuali porta senz'altro fuori strada.