Titolo

Il cosa, il come ed il perché del Quantitative Easing

3 commenti (espandi tutti)

ringrazio per l'interessante articolo che pone in modo divulgativo un tema che ritengo di grande interesse

di qui la riflessione:

se ho ben capito la fed ha fatto quello che non riusci' a Rockefeller prima della crisi del 29 , cioe' aver tanta liquidita' da immettere nel mercato al fine di evitare il collasso dell'economia che invece avvenne nel 29

la fed avrebbe , stando a quanto ho capito , quindi assolto al compito per cui e' stata pensata

tuttavia mi pare non ci siano precedenti storici di una simile azione , stiamo quindi vivendo un gigantesco esperimento in cui procediamo al buio causa la mancanza di precedenti?

Interessante questione.

La risposta da un certo punto di vista è : si.

Da un certo punto di vista, perchè comunque dal 1929 ad oggi ci sono stati sia ulteriori "affinamenti teorici" , sia  occasioni dove "provare" sul campo simili politiche monetarie.

Il Giappone del 2001 è stato il più ampio e famoso campo di "sperimentazione" , anche se molto relativo visto che la crisi bancaria vera e propria risaliva ad un decennio prima.

Diciamo quindi che se è vero che stiamo sperimentando politiche monetarie mai fatte prima, comunque non stiamo procedendo al buio.

La prova risiede nel fatto che dal primo Qe Usa sono passati ormai 8 anni, l'economia si è ripresa, la depressione simil '29, che era nel novero delle possibilità, è stata scongiurata , e last but not least le pressioni inflattive rimangono pressocchè sconosciute.

diversamente dai topolini possiamo anche divertirci ad osservare gli effetti dell'esperimento

l'osserazione che mi permetto di fare , pur forse banale , e' che il QE una volta sbarcato in europa ha trasformato la bce in una "vera" banca centrale il cui obbiettivo non e' piu' il solo contenimento dell'inflazione ma la salvaguardia dell'economia europea stessa

ovviamente nel commento precedente sbagliavo nell'usare la parola buio , forse "terreno inesplorato" sarebbe stato piu' calzante

saluti e grazie ancora per l'articolo